Economia

Ammortizzatori in deroga in scadenza, sindacati in piazza

Il 31 ottobre, giorno di scadenza dei termini per la concessione degli ammortizzatori sociali, manifestazione unitaria a Roma di Ugl Cgil, Cisl, Uil per chiedere un incontro di chiarimento alla Regione

Quale futuro per loro? Domani scade il termine per la concessione della cassa integrazione e la mobilità in deroga e a fronte dell’ennesima incertezza sul destino dei lavoratori pontini e del Lazio, anche l’Ugl di Latina domani mattina scenderà in piazza per chiedere alla Regione un incontro di chiarimento.

“Il 31 ottobre prossimo scade il termine per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, cassa e mobilità, e in assenza di Decreto Legge per lo stanziamento di ulteriori fondi, la Regione Lazio ha comunicato che non concederà più proroghe per novembre e dicembre, alle aziende e ai lavoratori che sono ora in regime di deroga e a quei lavoratori già licenziati coperti dalla mobilità” ha commentato il segretario provinciale dell’Ugl, Maria Antonietta Vicaro.

Il rischio, spiega la sigla sindacale, “è che le aziende dal 1 novembre prossimo, in assenza di coperture, licenzino i lavoratori sospesi a tempo parziale o a zero ore, e questo rischio diventa insostenibile per il nostro territorio, ampiamente martoriato dalla crisi, anche perché di politiche attive ancora non se ne è parlato”.

Manifestazione unitaria, dunque, con Cgil, Cisl e Uil “per capire cosa ci aspetta per i prossimi mesi, tenendo conto che molti lavoratori sono ancora in attesa della convocazione per gli incontri di stesura degli accordi, tra cui in provincia di Latina, i lavoratori legati al fallimento Midal  e Le Botteghe srl,  con i centri chiusi e in capo alla Curatela Fallimentare in attesa delle competitive fallimentari”

“Manifesteremo la nostra preoccupazione – conclude Maria Antonietta Vicaro - perché anche se i fondi sono in esaurimento, dovremmo fare uno sforzo comune per trovare alternative ai licenziamenti. Per l’anno prossimo dovranno essere messe in campo azioni a sostegno del lavoro, tenendo conto che si rischia di aggravare pesantemente l’emergenza sociale già in atto”.

AGGIORNAMENTO - “Abbiamo ritenuto necessario e doveroso convocare urgentemente le parti sociali per trovare un accordo ponte sulla cassa integrazione in deroga. Il tavolo, che si terrà domani mattina alle ore 10 presso la Regione Lazio, ha l’obiettivo di trovare tutti insieme un’intesa al fine di evitare i licenziamenti dei lavoratori in Cig in deroga” ha annunciato nel pomeriggio l'assessore regionale al Lavoro, Lucia Valente.

“Domani scade l’Accordo quadro - la cui proroga era stata firmata lo scorso 27 settembre – secondo il quale le autorizzazioni non possano andare oltre il 31 ottobre 2013 perché le risorse sbloccate ad oggi sono gravemente insufficienti per poter arrivare fino alla fine dell’anno. Mi rivolgo al Governo – conclude Valente - perché intervenga urgentemente per coprire i mesi di novembre e dicembre 2013 e perché sblocchi i decreti relativi ai 500 milioni di euro, stanziati da mesi, che sono ancora fermi al Ministero dell’Economia e Finanze e non sono stati ancora firmati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ammortizzatori in deroga in scadenza, sindacati in piazza

LatinaToday è in caricamento