Lunedì, 2 Agosto 2021
Economia

Come cambia la scelta del luogo in cui vivere con la pandemia? Lo studio su Aprilia

Partendo dal report de Il Sole 24 Ore sulla relazione tra la pandemia e l'attrattività di alcune cittadine, Tecnocasa ha deciso di analizzarne il mercato immobiliare. Tra queste realtà c'è anche Aprilia

Come cambia la scelta del luogo in cui vivere con l’emergenza coronavirus? A questa domanda ha cercato di dare risposta l'ufficio studi del gruppo Tecnocasa che, partendo da uno studio presentato dal quotidiano Il Sole 24 Ore sulla relazione tra la pandemia e l'attrattività di alcune cittadine, ha deciso di analizzare il mercato immobiliare di alcune di queste realtà.

“Alcune - viene spiegato - sono località di mare per le quali è stato determinante il desiderio di 'cambiare aria' emerso soprattutto dopo il primo lockdown, altre sono cittadine a misura d'uomo che hanno investito sui servizi e quindi sulla qualità della vita”. Tra quelli analizzati rientrano centri  come Pesaro, Carpi, Imperia, San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno e il piccolo centro di Siziano.

E ttra le città con oltre 65 mila abitanti, l'ufficio studi di Tecnocasa si è soffermato anche sulla realtà di Aprilia. Infatti, secondo l’approfondimento pubblicato nei giorni scorsi dal quotidiano Il Sole 24 Ore e dedicato ai centri in crescita, tra quelli più attrattivi e in grado di richiamare nuovi residenti c’è proprio il comune che si trova nel nord della provincia di Latina. In particolare Aprilia si è collocata al secondo posto nella classifica delle città con più di 65mila abitanti, con un tasso di attrattività tra iscrizioni e cancellazioni anagrafiche (esclusi decessi e nuovi nati) tra i più marcati in rapporto alla popolazione residente: nel periodo preso in considerazione – quello compreso tra ottobre 2019 e ottobre 2020 – il tasso di attrattività calcolato per ogni 100 abitanti è stato dello 0,74%: tra le città di analoghe dimensioni soltanto Pesaro ha fatto meglio. Il saldo dei trasferimenti di residenza ammonta a 539.

E’ partendo da questi dati che l'ufficio studi di Tecnocasa ha analizzato la realtà di Aprilia, che ha tra i suoi punti forti la vicinanza ed i buoni collegamenti con Roma, Latina, i Castelli Romani e con località di mare come Nettuno ed Anzio. “La domanda è in crescita - viene spiegato -, sia in affitto sia in acquisto. I prezzi, più concorrenziali rispetto ad altre città, hanno determinato richieste. In centro città il parco immobiliare risale agli anni '60-'70 ed i prezzi oscillano da 800 euro al mq (da ristrutturare) a 1200 euro al mq (ristrutturate). Esistono poi delle soluzioni anni '90 e altre post 2000. Queste ultime si scambiano a 1800-2000 euro al mq. La domanda di affitto arriva prevalentemente da famiglie e da lavoratori fuori sede. Per un bilocale si spendono mediamente 400-450 euro al mese, per un trilocale da 500 a 550 euro al mese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come cambia la scelta del luogo in cui vivere con la pandemia? Lo studio su Aprilia

LatinaToday è in caricamento