Economia Centro / Via Arrigo Serpieri

Arpa Lazio in carenza d’organico, a rischio i controlli ambientali

I sindacati dichiarano lo stato d'agitazione: "Impossibile effettuare i monitoraggi con le limitate risorse economiche e umane dell'agenzia". A rischio la balneazione sul litorale

Dovrebbe disporre di 750 dipendenti, ma ne conta meno di 400. E tra questi un quarto sono impiegati a tempo determinato. Altri 20 precari “sono stati d’improvviso licenziati e altri 100 resteranno a casa alla fine dell’anno. Sono i numeri dell’organico dell’Arpa Lazio, l’agenzia regionale deputate ad effettuare le verifiche e i controlli ambientali sulla qualità di aria e acqua e sulla salubrità dei luoghi. Tutte attività che rischiano di non essere più portate a termine se dovesse perdurare lo stato di carenza del personale.

È quanto denunciano i rappresentanti regionali del settore pubblico dei sindacati unitari, Claudio Laurenti per la Fp-Cgil, Marco Giobbi per la Fp-Cisl e Sandro Biserna per la Fpl-Uil. “La salute dei quasi 6 milioni di cittadini del Lazio - scrivono i sindacati in una nota ufficiale - è fortemente a rischio. Arpa Lazio non è più in grado di controllare e, di conseguenza, di garantire la qualità dell’aria e dell’acqua né, tantomeno, di monitorare gli agenti fisici sul territorio a causa della mancanza di risorse”.

“Le segreterie regionali di Fp Cgil, Fp Cisl e Fpl Uil, unitamente alle rappresentanze sindacali unitarie – si legge ancora nella nota - hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori a partire dal primo giugno. Il rischio di non avere controlli ambientali adeguati arriva in un momento particolarmente delicato per tutte le province laziali, a partire da quella di Roma dove si sta dibattendo sul collocamento della nuova discarica. Problemi che, però, non sembrano turbare la politica regionale”.

Le limitate risorse economiche e umane dell’Agenzia rischiano di non poter garantire ancora a lungo lo svolgimento degli ordinari compiti istituzionali come il monitoraggio della qualità dell’aria, i controlli sulla balneabilità delle acque marine e lacustri, i controlli sulle discariche, i controlli sugli agenti fisici, le attività di laboratorio a supporto delle Aziende sanitarie locali sui campioni di acqua destinata al consumo umano e sugli alimenti.

“L’inerzia della Regione - concludono i sindacati - mette a dura prova l’operato dell’ente preposto ai controlli ambientali a tutela della salute dei cittadini del Lazio. In queste condizioni, considerato anche l’irrisolto problema dello smaltimento dei rifiuti, la regione Lazio rischia di diventare una polveriera ecologica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arpa Lazio in carenza d’organico, a rischio i controlli ambientali

LatinaToday è in caricamento