Economia

Batteriosi del kiwi, Regione: bando ad hoc per finanziare nuovi impianti

Audizione alla Pisana con i produttori di Cisterna. Birindelli: "Le risorse finanziarie messe a disposizione nel bando sono di 5 milioni di euro". Cetrone: "Non si può più perdere tempo"

Importante audizione oggi alla Pisana a cui hanno partecipato i produttori di kiwi, tra cui anche i coltivatori di Cisterna.

Tra i presenti anche l'assessore regionale Angela Birindelli; al centro del dibattito la questione dei finanziamenti della stessa Regione per sostenere le produzioni di kiwi decisamente ridimensionate dalla batteriosi.

Più volte e a più voci in passato è stato imputato alla Regione di aver ridotto gli investimenti nel settore che inizialmente erano stati promessi e che dovevano essere di 5 milioni di euro.

Oggi l’assessore Birindelli ha tenuto a precisare che nel 2011 è stato stanziato un milione di euro e cinquecentomila euro per il 2012, e che per il 2013 è previsto lo stanziamento di altri tre milioni di euro.

Ma la discussione di oggi si è soffermata anche sulla questione del Psr, il Programma di Sviluppo Rurale.

“Per sostenere ulteriormente i produttori colpiti duramente dalla batteriosi del kiwi l’assessorato alle Politiche agricole sta predisponendo un bando ad hoc della misura 121 del Programma di Sviluppo Rurale dedicato esclusivamente a finanziare nuovi impianti di actinidia. Le risorse finanziarie messe a disposizione nel bando sono di 5 milioni di euro” ha dichiarato la Birindelli durante l’audizione in Consiglio regionale.

“Il 31 maggio - ha aggiunto Birindelli - sarà presentata al Comitato di Sorveglianza la nostra proposta di modifica del Psr sulla misura 121 necessaria per ottenere l’approvazione di Bruxelles. La predisposizione del bando si aggiunge agli interventi già avviati dalla Giunta per far fronte alla necessità di sostenere le aziende agricole colpite dall’emergenza Kiwi. Tra le azioni più importanti vanno ricordate la somma già impegnata di 1,5 milioni di euro stanziata dalla Regione sul bilancio 2011 e parte del 2012 e la richiesta al Ministero di un tavolo di confronto, con il Lazio capofila, per sollecitare interventi di sostegno a livello nazionale”.

CONSIGLIERE REGIONALE GINA CETRONE - Anche il consigliere Cetrone ha partecipato all'audizone.

“L’audizione ha avuto l’intenzione di fare il punto sullo stato dell’arte e sollecitare ulteriormente l’assessore Birindelli e la Giunta regionale nel rivedere le somme adesso impegnate in favore dei produttori di kiwi, oggi in forte difficoltà economica. Nel corso dell’audizione ho proposto la costituzione di un tavolo operativo intorno al quale far sedere in primis la presidente Polverini, poi l’assessore Birindelli, a seguire gli assessori regionali e Coldiretti, Cia, Confagricoltura, oltre ai rappresentanti delle categorie interessate alla problematica”.

“Il tavolo dovrà individuare tutte le strade possibili per giungere a recuperare le somme necessarie da trasferire ai produttori di kiwi, eventualmente anche sacrificando una quota parte di quelle assegnate ai singoli assessorati. Ho inoltre posto l’accento sull’importanza di ripartire le risorse in maniera equa per tutte le aziende che sono rimaste fuori dalla prima suddivisione dei fondi, e stanziare almeno un milione di euro anche per l’anno 2012 da distribuire subito agli agricoltori per il reimpianto della coltivazione”.

“Ricordo a me stessa che sono 6.000 gli ettari di terreno danneggiati, i danni più gravi li ha ricevuti la Provincia di Latina con l’eliminazione dell’80% del kiwi coltivato, mentre i danni riconosciuti dalla Regione Lazio sono di circa 16 milioni di euro. Per queste ragioni – termina il Consigliere Cetrone - non possiamo perdere più tempo e dobbiamo tutti insieme trovare soluzioni e finanziamenti in grado di risollevare le malconce condizioni di tante aziende produttrici di kiwi, prima che per molte di queste sia troppo tardi”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Batteriosi del kiwi, Regione: bando ad hoc per finanziare nuovi impianti

LatinaToday è in caricamento