rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Economia

Cassa integrazione, diminuiscono le ore: sospiro di sollievo a gennaio

Rapporto Uil: le ore a gennaio sono state 514.914, in calo del 38,4% rispetto a dicembre. Garullo: "Siamo ancora in un trend difficile, se misurato in un analisi di medio periodo

Sospiro di sollievo per la provincia di Latina; stando ai dati diffusi dalla Uil nel suo consueto rapporto sulla cassa integrazione, nel mese di gennaio è stata registrata una leggera flessione delle ore utilizzate, pur in un contesto di situazione che permane complessa.

Nell'ultimo mese è stato registrato, infatti, un totale di 514.914 ore di cig complessivamente utilizzate, con una diminuzione  del -38,4% rispetto alle 836.328 ore utilizzate nel precedente mese di dicembre 2012.

“Inizia un anno che si prospetta comunque delicato per l’economia e l’occupazione provinciale – commenta il segretario generale della Uil di Latina, Luigi Garullo – in cui si tira un sospiro di sollievo rispetto alle forti tensioni che hanno caratterizzato soprattutto la seconda parte dell’anno appena concluso, anche se dobbiamo però tenere presente che ancora siamo in un trend difficile, se misurato in un analisi di medio periodo. Infatti – continua il segretario generale della Uil di Latina – se paragoniamo il dato con lo stesso mese di gennaio 2012, ci accorgiamo che le ore di cassa aumentano del 10,5%, in quanto a gennaio 2012 quelle utilizzate furono 465.215, contro appunto le 514.914 di gennaio 2013. Come abbiamo evidenziato nel rapporto dello scorso mese è possibile che il picco negativo per Latina si sia raggiunto proprio lo scorso anno, e i primi dati sembrerebbero confermare questa ipotesi.”

Nello specifico spiega ancora Garullo, “le ore di cassa integrazione ordinaria diminuiscono del -92,5%, confermando il trend di discesa, mentre  la cassa straordinaria segna un -13,3%; diminuisce in maniera robusta anche  la cassa in deroga che fa segnare un -52,9% , anche se questo dato potrebbe essere influenzato dall’incertezza normativa sulla copertura finanziaria dello strumento, che non aveva certezze nel mese di gennaio, e che ad oggi ha un accordo di copertura solo fino ad aprile 2013, in questo senso, le aziende hanno certamente rallentato la domanda nel dubbio della copertura economica. Il numero di lavoratori potenzialmente posti in cassa integrazione a gennaio 2013  – continua Garullo – si attesta poco sopra le 3.000 unità, rispetto alle circa 4.900 unità del mese precedente.”

“In definitiva  – conclude Garullo –  è chiaro che ci si prospetta un anno ancora delicato per il lavoro e per l’occupazione, i primi segnali ci danno un incoraggiamento da non sottovalutare, però – avverte Garullo – se a questi segnali non si aggiungerà la decisa volontà politica, soprattutto del prossimo governo regionale, di pianificare interventi di sviluppo, disegnando chiaramente la politica industriale, agricola e turistica che vogliamo impostare su questo territorio per i prossimi anni,  sarà molto difficile uscire da questa situazione di stallo, che vede un drammatico deterioramento delle possibilità di trovare un lavoro per chi lo ha perso, ed una perdita persino della speranza di prospettiva da parte dei giovani”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione, diminuiscono le ore: sospiro di sollievo a gennaio

LatinaToday è in caricamento