Corden Pharma, firmato l’accordo al Mise. Cassa integrazione per 400 dipendenti

Accordo “salva-esuberi” che arriva dopo quasi due mesi di vertenza. Filctem Cgil : “Non siamo completamente vincitori, ma siamo orgogliosi di non aver ceduto alle richieste dell’azienda”

E’ stato siglato oggi a Roma, al Ministero dello Sviluppo Economico, l’accordo “salva esuberi” per la Corden Pharma di Sermoneta. Un’intesa raggiunta nel corso del vertice al Mise a cui hanno preso parte il sottosegretario Giorgio Sorial e il dottor Fontana, l’assessore al Lavoro della Regione Lazio Claudio Di Berardino, i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Confail, e i vertici della CordenPharma. 

“In realtà già nella notte tra giovedì 17 e venerdì 18 gennaio le organizzazioni sindacali, grazie all’intermediazione della Regione Lazio, erano riuscite a trovare un’intesa che conciliasse le esigenze della società e la salvaguardia dei posti di lavoro, scongiurando i licenziamenti", spiegano il segretario generale della Filctem Cgil di Roma e del Lazio Ilvo Sorrentino e il segretario generale della Filctem Cgil di Frosinone e Latina Sandro Charlitti: "Sono stati 70 giorni difficili, con scioperi, manifestazioni, presidi, riunioni e confronti anche duri con l'azienda e a volte anche con le altre organizzazioni sindacali che a tratti si lasciavano prendere da un'eccessiva fretta uscendo in maniera inappropriata sulla stampa".

"Questa vicenda - proseguono i sindacalisti - non ci vede completamente vincitori visto che tutti i 500 dipendenti non percepiranno per i prossimi cinque anni la 14esima mensilità, che sarà poi riattivata automaticamente. Siamo tuttavia orgogliosi di non aver ceduto alle richieste aziendali e di aver ripristinato la contrattazione di secondo livello che era stata disdettata a partire dal prossimo febbraio. L’accordo raggiunto non è solo di natura economica: sono state previste sostanziali iniziative normative come l’accordo di ricollocazione ex legge 148/2015, la possibilità e volontà di accedere a contratti di sviluppo nazionali e regionali, la revisione di importanti investimenti sul sito fino alla possibilità di mobilità in altre aziende del gruppo per chi volesse spostarsi volontariamente". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci auguriamo - concludono i due sindacalisti - che queste norme, inserite nell’accordo insieme ai 12 mesi di cassa integrazione straordinaria per crisi per 400 dipendenti, che inizierà dal prossimo 4 di febbraio, siano sufficienti a sistemare e far rientrare completamente l’esubero strutturale dichiarato dall’azienda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento