Coronavirus Cisterna, consentita la consegna della colazione a domicilio

Le precisazioni del Comune. Sindaco Carturan: “E’ giusto che tutte le attività di somministrazione bevande e alimenti, quindi anche i bar, riprendano a lavorare”

Anche a Cisterna è consentiva la consegna della colazione a domicilio. Le precisazioni arrivano direttamente dall’Amministrazione. In attesa che il Governo presenti definitivamente le direttive per la cosiddetta “fase 2” della crisi sanitaria data dal nuovo coronavirus, oggi il Comune – attraverso una nota di chiarimenti emanata dal Sueap – ha spiegato, tra l’altro, che anche i bar possono consegnare a domicilio colazioni, caffè, bevande e altri prodotti gastronomici.

“Consegne nelle case e negli uffici aperti che andranno fatte nel rispetto di regole rigide per evitare la diffusione del contagio - prosegue il Comune -: personale con indosso mascherina e guanti, distanza di sicurezza interpersonale, luoghi e strumenti igienizzati, alimenti e bevande consegnate esclusivamente in contenitori chiusi e monouso. Le stesse misure, quindi, riportate nel Dpcm dell’11 marzo scorso alle quali si aggiungono le raccomandazioni del Ministero della Salute oltre alle altre prescrizioni vigenti in materia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ giusto che tutte le attività di somministrazione bevande e alimenti, quindi anche i bar, riprendano a lavorare – ha commentato il sindaco Mauro Carturan –. Questo è un comparto che rischia di sprofondare se non troviamo subito un modo per farlo ripartire. Intanto, come annunciato, stiamo verificando la possibilità di esentare questi esercenti per tutto il 2020 dal pagamento della Tosap, quindi il suolo pubblico, e stiamo anche cercando di capire come risparmiare loro anche l’imposta per le insegne e la TARI. Certamente bisogna sostenerli in ogni modo ma, prima di tutto, occorre dar loro l’impulso per tornare a lavorare”.

Coronavirus Latina e provincia: le notizie di oggi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

  • Coronavirus Latina, i contagi continuano a salire: altri 139 casi in provincia. Un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento