menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(immagine di archivio)

(immagine di archivio)

Coronavirus, sport e palestre nel limbo. Confartigianato: “Ora riaprire in sicurezza”

L’intervento del presidente Alovisi: “Ci sono migliaia di lavoratori a cui nessuno si degna di rispondere. Senza considerare il valore sociale, ricreativo e della salute che lo sport significa. Chiediamo soluzioni chiare e coraggiose”

“Ora riaprire in sicurezza”: questo l’appello che per voce del suo presidente Salvatore Alovisi arriva da Confartigianato Latina che si schiera al fianco delle imprese e delle attività produttive, con un riferimento particolare a quelle legate soprattutto al settore dello sport. Attività che “sono l’anima dell’economia eppure continuano a pagare il prezzo più alto della pandemia” e della crisi economica generata dalla diffusione del coronavirus.

“Le parole non bastano più. I sussidi, gli aiuti promessi e arrivati a singhiozzo con imprenditori costretti a muoversi in un labirinto di burocrazia e scartoffie, non rappresentano il vaccino più efficace per combattere l’altra epidemia, quella della crisi economica” ha detto Alovisi il cui appello a fare qualcosa di concreto è rivolto soprattutto per il comparto dello sport e delle attività ricreative, “palestre, strutture sportive, impianti che ormai da un anno non riescono più a lavorare. Prima la chiusura, poi la riapertura tra protocolli e operazioni di sicurezza. Tutto giusto - aggiunge il presidente di Confartigianato Latina - peccato poi tornare a chiudere una categoria per la quale non ci sono evidenze scientifiche che contribuiscano in qualche modo ad alzare il livello di contagi. Come se non bastasse, mentre si assiste a riaperture a macchia di leopardo tra le varie categorie produttive, per il mondo dello sport non si vedono ancora spiragli definiti".

“Cosa bisogna fare per riaprire i cancelli di palestre, piscine e impianti sportivi? Ci sono migliaia di lavoratori a cui nessuno si degna di rispondere. Senza considerare il valore sociale, ricreativo e della salute che lo sport significa. Chiediamo soluzioni chiare, coraggiose e senza ripensamenti come accaduto in passato. Siamo al fianco dei lavoratori colpiti da questa grave crisi - conclude Alovisi - e offriamo tutto il supporto possibile. Saremo interlocutori delle istituzioni, sostenitori di una politica che guardi anche agli interessi di questa categoria messa ai margini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento