Economia

Crisi economica, crollano i mutui: in provincia di Latina -47%

Dato per il primo semestre 2012 sulle erogazioni di mutui immobiliari per le acquisizioni di abitazioni, in base agli studi dell'Osservatorio sul Credito al Dettaglio e dalle rilevazioni Fiaip

Una caduta verticale: nel primo semestre 2012 le erogazioni di mutui immobiliari per acquisto di abitazioni sono crollate del 47%.

È questo il dato impietoso che emerge dagli studi dell'Osservatorio sul Credito al Dettaglio e dalle rilevazioni FIAIP, secondo cui solo nel 2014 il credito al consumo, anche se a ritmi modesti, dovrebbe tornare a crescere.

Male, dunque, la Latina e provincia, dove al dato negativo concorrono anche le erogazioni di credito al consumo (-2,2% nel 2011 e - 11% nel primo semestre del 2012), ma, per quanto riguarda i mutui, a subire una netta flessione sono in particolare quelli per ristrutturazione, liquidità, consolidamento del debito, surroga e sostituzione: nei primi sei mesi del 2012 la contrazione delle erogazioni nel comprensorio latinense è pari all’80% rispetto allo stesso periodo del 2011.

Quali le principali ragioni di questo tracollo? “Le cause sono molteplici – spiega Pietro Baglio, delegato provinciale Fiaip per la mediazione creditizia -. Prima dei mutui d’acquisto, bisogna innanzitutto considerare la cosiddetta procedura della surroga (lo "spostamento" del mutuo su una nuova banca) che, soprattutto qualche anno fa, sostituiva i mutui più vecchi a condizioni migliori.»

Tra le altre cause concorre, fanno sapere da Fiaip Latina, “certamente l’incertezza economica, la situazione di difficoltà della nostra zona con la massiccia deindustrializzazione in atto ed il conseguente impatto negativo sull’occupazione, e non ultimo la maggiore restrizione da parte delle banche alla concessione del credito. Tutto questo genera una minore disponibilità di mutui che, oltre a essere difficili da ottenere, costano anche di più rispetto a un anno fa: ecco allora che le famiglie pontine rimandano il momento dell’eventuale acquisto della casa, aspettando che la situazione possa essere più chiara prima di imbarcarsi in un'operazione che può durare anche 20 o 30 anni”.

“È importante sottolineare – interviene il presidente provinciale Fiaip Santino Nardi - quanto sia cambiata la situazione rispetto a solamente un anno fa: il primo semestre del 2011, usato per il confronto in questo studio, è un periodo che può ancora considerarsi "florido" per il mercato immobiliare. Adesso, nel giro di
un anno, la situazione è incredibilmente peggiorata”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi economica, crollano i mutui: in provincia di Latina -47%

LatinaToday è in caricamento