rotate-mobile
Economia

Crisi industriali, cinque proposte per rilanciare l’economia pontina

I cinque punti per il rilancio dell'economia e la ripresa dell'occupazione, in un territorio devastato dalla crisi, proposti dal consigliere del Pd Enrico Forte in vista del tavolo del 10 luglio in Regione

Cinque punti per rilanciare l’economia pontina. Questa la proposta del consigliere regionale del Pd Enrico Forte, alla luce anche del momento difficile della provincia di Latina devastata dalla crisi - Sapa, Nexans, Scm, Avionteriors, solo per citare alcune delle delicate vertenze che tengono alta l’attenzione -.

“L’occupazione da parte degli operai della Sapa di Fossanova del sito e la proclamazione dello stato di assemblea permanente sono l’immagine più vera e drammatica della crisi industriale che ormai da tempo è esplosa in provincia di Latina, una crisi dalla quale si può cercare di uscire soltanto se si crea una sinergia tra istituzioni, forze sindacali e imprenditori. E’ questo il percorso che ci apprestiamo a intraprendere come Regione ponendoci come interlocutori e dando il nostro contributo, come faremo il 10 luglio all’interno del tavolo di confronto convocato presso la Regione”.

“Abbiamo predisposto – spiega Forte – un documento in cinque punti che parte dal presupposto che per rilanciare l'economia pontina e innescare un circolo virtuoso capace di attivare buona e stabile occupazione, servono investimenti pubblici e privati. Purtroppo le imprese, indebolite dalla crisi prolungata, non saranno in grado di ripartire in tempi brevi quindi spetta alle istituzioni attuare macro e micro-politiche che rimettano in moto i processi produttivi”.

“I cinque punti proposti – anticipa Forte - fanno parte di una strategia complessiva, in grado di promuovere una sinergia tra i fattori produttivi del territorio: è possibile infatti la coesistenza tra industria, turismo, tutela dell’ambiente, laddove venga promossa un’industria ecosostenibile, solidamente legata allo sviluppo parallelo di turismo e cultura. Commercio e servizi, cultura e turismo, distretto industriale e chimico-farmaceutico, agricoltura e sostenibilità ambientale, ricerca e innovazione sono dunque i punti fermi dai quali ripartire avendo ben chiaro che è fondamentale intervenire sulle infrastrutture di collegamento, evitando che la provincia di Latina continui a rimanere tagliata fuori dalle principali reti viarie nazionali.

Priorità assoluta quindi alla Roma-Latina, opera cantierabile nel medio-breve periodo; al collegamento autostradale Cisterna-Valmontone, da anni nei programmi delle grandi infrastrutture di collegamento e al completamento della Monti Lepini. La disponibilità di una rete viaria moderna può supportare settori importanti come il turismo e in generale l’industria così come le messa in campo di un sistema di formazione anche a livello universitario innovativo, all’avanguardia e legato alle vocazioni del territorio.

E’ inoltre indispensabile creare le condizioni economico-finanziarie per il rilancio imprenditoriale, che passa dall’accesso al credito, principalmente tramite gli strumenti di garanzia gestiti da Unionfidi, alla messa in opera di occasioni di sviluppo del sistema produttivo come Portafuturo e gli altri incubatori e acceleratori d’impresa disponibili, per sostenere le attività nelle fasi critiche. Determinante anche il ruolo di Sviluppo Lazio nel potenziamento delle infrastrutture regionali e delle attività produttive, nonché per l'incremento dell'occupazione tramite il sostegno a programmi di sviluppo territoriale e la partecipazione a progetti d'investimento in partnership tra soggetti pubblici e privati .

Infine – conclude il consigliere regionale del Partito Democratico - i Comuni devono fare la loro parte con il potenziamento degli uffici Europa attraverso i quali è possibile predisporre progetti finanziabili con i fondi europei, la vera grande risorsa finanziaria spesso inutilizzata”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi industriali, cinque proposte per rilanciare l’economia pontina

LatinaToday è in caricamento