Economia Formia

Sorriso sul mare, incontro in Regione sul futuro dei lavoratori

Voluto dai consiglieri Forte e Giancola per individuare una via d'uscita per i dipendenti della clinica di Formia che rischiano di perdere il lavoro

Del difficile e oscuro futuro della clinica Sorriso sul mare si discuterà domani pomeriggio durante un incontro in Regione sollecitato e voluto dai consiglieri pontini Forte e Giancola per individuare una via d’uscita per le decine di dipendenti della struttura sanitaria di Formia che rischiano di perdere il lavoro.

“In questa difficile fase economica appare necessario mettere in campo tutti gli strumenti e gli sforzi possibili per trovare soluzioni alle situazioni di crisi occupazionale. Dopo la vicenda Nexans intendiamo applicare lo stesso metodo alla vicenda della clinica “Sorriso sul mare” di Formia” è il commento dei consiglieri regionali pontini Enrico Forte (Partito Democratico) e Rosa Giancola (Lista Zingaretti).

“Quello che stiamo tentando di introdurre, in via del tutto sperimentale – spiegano Forte e Giancola – è un tavolo di confronto interassessorile sui problemi economici delle singole province del Lazio. Così come era accaduto per il caso Nexans, anche per la clinica “Sorriso sul mare” abbiamo sollecitato gli assessori regionali competenti facendo convocare una riunione ah hoc. Si tratta di un modello flessibile che punta a monitorare tutte le situazioni di crisi economica esistenti sul territorio introducendo una sorta di tutoraggio delle attività produttive, il tutto con un occhio particolare per l’aspetto dell’occupazione”.

I consiglieri regionali pontini ci tengono inoltre a sottolineare come l’obiettivo finale non sia quello di ottenere una copertura quale la cassa integrazione ma una soluzione che preveda la partecipazione attiva dei lavoratori a tutte le ipotetiche attività, anche post chiusura ed eventuale riconversione, dell’azienda presso la quale lavorano.

“In una fase economica così difficile per la provincia di Latina – ricordano Forte e Giancola - appare necessario mettere in campo anche e soprattutto politiche alternative a quelle rappresentate dai tradizionali strumenti di tutela dei lavoratori. Si tratta di un percorso importante perché punta a farli rimanere parte attiva nel processo produttivo: nel caso Nexans siamo riusciti a strappare all’azienda un impegno rispetto ai lavori di bonifica del sito e alla futura ricollocazione del personale. Nell’incontro in programma per domani - concludono - cercheremo la migliore soluzione possibile per garantire una possibilità di futuro occupazionale ai lavoratori della struttura sanitaria del sud pontino con lo spirito di servizio che contraddistingue il nostro impegno in Consiglio regionale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorriso sul mare, incontro in Regione sul futuro dei lavoratori

LatinaToday è in caricamento