Economia

Ad oltre un anno dalla chiusura, cala il silenzio su Tele Etere di Latina

Più di un anno fa vengono spenti i canali della storica emittente televisiva; Maurizio Bernardi: "Da allora i dipendenti attendono stipendi arretrati e tfr. Nessuna parola da politica e sindacati"

“I numeri non sono certamente quelli della Alcoa o, per restare sul territorio, della Nexans. Resta il fatto che da oltre un anno i canali dell’emittente televisiva Tele Etere sono spenti ed una quindicina di dipendenti ed ex dipendenti aspettano di percepire stipendi arretrati ed il trattamento di fine rapporto nel silenzio più assoluto”.

È questa l’amara denuncia che arriva direttamente dall’ex direttore dei programmi Maurizio Bernardi per il quale il silenzio di sindacati e istituzioni rispetto alle vicende di una delle emittenti televisive storiche della nostra provincia non trova assoluta spiegazione.

“Gli esponenti del mondo della politica e del sindacato che in quell’emittente hanno trovato per anni vetrina per le loro iniziative non hanno inteso spendere una parola in difesa di occupazione e libertà di stampa. E gli “illuminati” imprenditori soci della Tele Etere Spa in oltre un anno non hanno trovato il tempo di approvare il bilancio e mettere l’azienda nelle condizioni di poter essere venduta”.

“Siamo di fronte all’emblema dell’ inefficienza e dell’indifferenza che sta portando il territorio verso una deriva economico-occupazionale dagli effetti potenzialmente deflagranti” chiosa Bernardi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ad oltre un anno dalla chiusura, cala il silenzio su Tele Etere di Latina

LatinaToday è in caricamento