Economia

Cassa integrazione, Uil: “In calo a novembre ma il dato è preoccupante”

Da tenere d'occhio il lungo periodo: nel gennaio-novembre 2012 c'è stato un aumento del 10,4% rispetto al 2011; inoltre il calo della cig è legata all'aumento della perdita dei posti di lavoro

La cassa integrazione nel mese di novembre è in lieve calo rispetto ad ottobre, ma il dato rimane comunque sempre preoccupante e non permette di stare tranquilli soprattutto guardando al futuro.

Questo è il quadro che emerge dal consueto rapporto mensile della Uil di latina sull’andamento della cassa integrazione e sugli occupati nella provincia pontina.

"I dati elaborati dalla Uil relativamente alla provincia di Latina per il mese di novembre 2012 evidenziano  un lieve miglioramento del dato complessivo, anche se la situazione resta molto complicata” commenta Luigi Garullo, segretario generale Uil Latina.

Per il mese di novembre è stato registrato un totale di 715.208 ore di cassa integrazione complessivamente utilizzate, con una flessione del 15,8% rispetto alle 849.223 ore di cassa integrazione utilizzate nel precedente mese di ottobre”.

“Siamo chiaramente in una situazione ancora difficile – continua ancora Garullo – anche perché se paragoniamo i dati dell’intero periodo gennaio-novembre 2011, con lo stesso periodo del 2012, ci accorgiamo che l’aumento della cassa integrazione, misurata appunto sul lungo periodo, continua a crescere, facendo segnare un +10,4%, e questo vuol dire che continuiamo ad essere ancora in un trend di peggioramento”.

“Nello specifico – aggiunge Garullo – le ore di cassa integrazione ordinaria aumentano del +25,4% , quelle di cassa straordinaria segnano un -17,4% , mentre la cassa in deroga diminuisce del del -37,4%. Il numero di lavoratori potenzialmente posti in cassa integrazione a novembre  attesta intorno alle 4.500 unità, rispetto alle 5.000 unità del mese precedente”.

Ma a preoccupare sono soprattutto i dati sul lungo periodo e il fatto che in qualche modo la riduzione degli ammortizzatori sociali impiegati è anche legata all’aumento della perdita dei posti di lavoro. Come spiega Garullo, infatti, “il leggero dato di diminuzione della cassa integrazione, non ci conforta per nulla, sia in relazione al confronto dei dati di lungo periodo, ma anche per il fatto che a mano a mano che si perdono posti di lavoro, diminuiscono anche le ore di cassa precedentemente utilizzate per quei lavoratori definitivamente licenziati”.

“Ci aspetta un 2013 in cui bisognerà rimboccarsi le maniche, sapendo bene che  sarà ancora un anno difficile per il lavoro, ma – conclude Garullo – credo che questo territorio abbia risorse umane, lavoratori qualificati e motivati, per reagire a questa situazione.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione, Uil: “In calo a novembre ma il dato è preoccupante”

LatinaToday è in caricamento