Mercoledì, 29 Settembre 2021
Economia

Florovivaismo in crisi, Confagricoltura: “A rischio la vendita delle stelle di Natale”

La conferma dall’imprenditore e rappresentante del settore Remo Di Meo nel corso di un incontro con vertici di Confagricoltura Latina: “Serve sostegno da Governo e Regione Lazio”

“Il settore florovivaistico è stato travolto dalla pandemia e rischia di subire un ennesimo colpo durissimo per la campagna di vendita delle stelle di Natale che, purtroppo, è già ridotta del 50% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”. Questo quanto emerso nel corso della visita del presidente di Confagricoltura Latina, Luigi Niccolini, presso l’azienda agricola di Remo Di Meo che fa parte dell’associazione e che è autorevole rappresentante del settore e portavoce della categoria che conta centinaia di aziende tra i territori della provincia di Latina e a sud di Roma.

“Nel corso dell’incontro che abbiamo tenuto nei giorni scorsi presso questa azienda – spiega il presidente di Confagricoltura Latina – Remo Di Meo, che divide le sue attività imprenditoriali nel settore florovivaistico con aziende tra Aprilia e Nettuno e a Latina e Sabaudia, ha rappresentato una realtà che non può non destare preoccupazione. Dopo il lockdown di marzo il settore è stato piegato da una pesantissima crisi che si trascina fino ad oggi e che, in assenza di un intervento concreto da parte dello Stato e della Regione Lazio, rischia di compromettere definitivamente l’intero comparto. L’andamento della campagna per le stelle di Natale, legato inevitabilmente alla situazione che stiamo vivendo, annuncia un ridimensionamento che ad oggi si aggira intorno al 50%. Parliamo di milioni di euro bruciati a cui bisogna fare fronte con interventi di sostegno immediati alle imprese”.

“Il trend di vendite pesantemente in diminuzione – spiega l’imprenditore Di Meo che del settore florovivaistico è anche portavoce – conferma un anno estremamente complicato per la nostra categoria. E’ evidente che se non ci sarà un supporto reale per le imprese florovivaistiche siamo davanti ad all’ennesimo colpo, gravissimo, al nostro comparto. Confidiamo che dalla Regione e dal Governo nazionale arrivino risposte e soprattutto indicazioni chiare e che, anche in un Natale diverso come sarà giustamente quello di quest’anno, riusciremo a trovare il modo di lavorare e di farlo per salvare le nostre aziende ma i numeri non ci aiutano: la mia sola attività, come molti altri imprenditori della mia categoria, quest’anno ha lavorato per produrre centinaia di migliaia di stelle di Natale, se questo trend negativo venisse confermato nei prossimi giorni le perdite per la mia e per moltissime altre imprese sarebbero ingenti”.

“Questa azienda è uno dei fiori all’occhiello del comparto florovivaistico rappresentato da Confagricoltura Latina e costituisce un importante volano per l’economia dei nostri territori – ha affermato al termine della visita il direttore di Confagricoltura Latina, Mauro D’Arcangeli –. Per questo, proprio per supportare realtà come questa e dunque centinaia di imprenditori agricoli del settore, occorrono sostegni economici reali ed immediati. La voce di Di Meo è quella di tutti gli altri produttori della categoria e, più in generale, di un mondo agricolo che sta affrontando una crisi gravissima che ha bisogno di punti di riferimento chiari e che, come ha ribadito il presidente Niccolini, necessità di interventi di sostegno immediati per le imprese agricole”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Florovivaismo in crisi, Confagricoltura: “A rischio la vendita delle stelle di Natale”

LatinaToday è in caricamento