rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Economia Borgo San Michele

Crisi Gial, accordo in extremis: cassa integrazione per i 27 operai

La firma in Regione che ha concesso un ulteriore anno di ammortizzatori sociali in scadenza il 31 dicembre. L'Ugl: "Auspichiamo ora che il Ministero del Lavoro dia parere favorevole"

 

Altro importante risultato in ambito sindacale. Dopo la ricollocazione a tempo indeterminato dei 91 lavoratori della Meccano, ecco un altro esito positivo, anche se temporaneo, nella vertenza dellaGial.  

 

E’ stato firmato nel pomeriggio di ieri presso l’assessorato al Lavoro e Formazione l’accordo per la concessione del secondo anno di cassa integrazione straordinaria per i 27 lavoratori della Gial di Borgo San Michele, in scadenza il prossimo 31 dicembre.

 

“Si tratta – spiega l’assessore Mariella Zezza – di una trattativa particolarmente complicata a causa del mancato completamento degli impegni sottoscritti lo scorso anno. La buona volontà di tutte le parti coinvolte e la fuoriuscita di 4 dipendenti per il raggiungimento dei requisiti previdenziali, hanno consentito la prosecuzione dell’ammortizzatore sociale. Con questa intesa – conclude  - potremo quindi garantire il sostegno al reddito alle lavoratrici e ai lavoratori, in attesa della possibile reindustrializzazione del sito

 

Abbiamo fortemente chiesto all’azienda di adoperarsi per l’ottenimento del secondo anno, speriamo così di poter almeno in parte risolvere i problemi dei 27 lavoratori rimasti senza lavoro. Auspichiamo ora che il Ministero del Lavoro dia parere favorevole e che nel frattempo sii aprano progetti di riqualificazione con l’acquisto del sito a imprenditori coraggiosi che vogliano investire sul nostro territorio. Ci sono incentivi messi a disposizione dalle istituzioni, resta il nodo di chi voglia in un momento così difficile per l’economia scommettere su un futuro sempre più incerto.”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Gial, accordo in extremis: cassa integrazione per i 27 operai

LatinaToday è in caricamento