Economia Priverno

Imu sui terreni agricoli, sindaco di Priverno contro le decisioni del Governo

Priverno nella fascia dei comuni parzialmente montani: coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali saranno esentati dal pagamento, cosa contraria per tutti gli altri cittadini che possiedono anche un piccolo appezzamento

Posticipato al 10 febbraio il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli e una revisione dell’applicazione delle esenzioni precedentemente eliminate. Questa la decisione del Governo che avrà, inevitabilmente, anche le sue ripercussioni sui cittadini di Priverno.

Il Comune di Priverno, infatti, con la revisione è stato inserito all'interno della fascia dei comuni parzialmente montani: solamente i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali saranno esentati dal pagamento, mentre tutti gli altri cittadini che possiedono anche un piccolo appezzamento di terreno dovranno pagare.

“Ribadiamo tutta la nostra contrarietà nei confronti di una decisione del Governo che non fa altro che mettere, per l’ennesima volta, le mani in tasca ai cittadini, scaricando sui Comuni la responsabilità e l'onere di svolgere il ruolo di esattore in nome altrui – afferma il sindaco di Angelo Delogu -. Noi non possiamo dire ai contribuenti di non pagare, perché la legge va sempre rispettata, anche quando la si contesti profondamente. Ma saremo a fianco dei cittadini, dei rappresentanti di categoria, agli altri enti locali, nel portare avanti una durissima battaglia, anche attraverso atti di disobbedienza civile, contro una decisione, oltre che sbagliata, assolutamente iniqua.

In queste ore siamo in contatto con gli altri sindaci dei Monti Lepini e stiamo vagliando tutti insieme possibili azioni da intraprendere. È ora di dire basta. Le persone non ce la fanno più, sono affogate dalla crisi, non hanno lavoro, non hanno reddito e costringerle a pagare una tassa ulteriore è un affronto vero e proprio. La pazienza è arrivata al limite e c'è una misura oltre quale non si può andare”.

La decisione, sostiene il primo cittadino privernate, è "tanto subdola quanto crudele: va a colpire tutti quei cittadini che trovano nell'agricoltura una delle poche fonti di sostentamento. Le politiche di austerità e di rigore stanno strozzando le famiglie e le attività produttive. Ora arrivano a colpire anche quelle persone che come unica colpa hanno quella di possedere un pezzettino di terra, casomai ereditato dai nonni e dai genitori che hanno fatto grandi sacrifici per acquistarlo.

Così si colpisce proprio una delle cose che allude ad un nuovo modello di sviluppo, più equo e compatibile: la piccola produzione di prodotti agricoli per l'autoconsumo. Il nostro paese così non si rialzerà mai. A fare cassa, per finanziare scelte (o mancate scelte) in odore di populismo, sono in grado tutti. La ricetta seria, invece, continua ad essere un'altra: pagare meno, pagare tutti - conclude Delogu -. Se servono risorse, bisogna partire da una riduzione della pressione fiscale, accompagnata da una seria lotta all'illegalità, all'economia sommersa, all'evasione fiscale. Non bisogna colpire sempre i cittadini onesti, quelli che rispettano le regole e pagano le tasse”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu sui terreni agricoli, sindaco di Priverno contro le decisioni del Governo

LatinaToday è in caricamento