Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia Priverno

Imu sui terreni agricoli, continua la battaglia del Comune di Priverno

L’amministrazione ha deciso di presentare ricorso davanti al Giudice amministrativo. Sindaco Delogu contro le decisioni del Gorverno: “Comuni parzialmente montani, come Priverno, costretti a pagare un’imposta ingiusta e vessatoria”

Va avanti la battaglia dell’amministrazione di Priverno contro le decisioni del Governo in merito all’Imu sui terreni agricoli. Il Comune, supportato dall’Anci Lazio, ha deciso di presentare ricorso davanti al Giudice amministrativo; la Giunta, infatti, ha autorizzato il sindaco a conferire apposito mandato, nelle forme di legge, ad un legale individuato dall’Associazione dei Comuni.

“Occorre ricordare che con il Decreto ministeriale n. 66/2014, “Decreto esenzione dall'Imu per i terreni montani”, era stata rivista la classificazione dei Comuni montani, eliminando i criteri precedentemente esistenti ed introducendo come criterio principale l'altitudine del Comune dal livello del mare ai fini del pagamento dell’Imu - spiegano dal Comune di Priverno -. Questi nuovi criteri hanno penalizzato Priverno che da Comune montano e, quindi, totalmente esente dal pagamento dell’Imu, si è ritrovato ad essere Comune parzialmente montano, con il conseguente assoggettamento al pagamento dell’imposta.

Dopo i ricorsi al Tar da parte dell’Anci, che per ora non hanno avuto esito positivo, il Governo è intervenuto con il Decreto legge, n. 4 del 24 gennaio 2015 che rivede l'Imu agricola per il 2015 con effetti anche sul 2014, stabilendo che l’esenzione totale si applica solo nei comuni classificati totalmente montani. Mentre nei comuni classificati parzialmente montani, come Priverno, l’esenzione si applica solo ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali o concessi loro in comodato o in affitto. Viceversa, non si applica a tutti gli altri cittadini, che dovranno pagare l’imposta dovuta per l’anno 2014 entro il 10 febbraio 2015”.

“Noi non ci arrendiamo – dice il sindaco Delogu - perché riteniamo che non si possa continuare a far pagare ai cittadini il peso della crisi. Anche le ultime correzioni non hanno risolto il problema, perché una parte di cittadini dei Comuni parzialmente montani, come Priverno, saranno costretti a pagare comunque un’imposta ingiusta e vessatoria. Questa scelta, inoltre, colpisce una fetta di popolazione e un settore che in un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo rappresenta una delle poche alternative alla crisi”.

“Il nostro impegno –conclude il primo cittadino - è quello di tutelare i nostri concittadini e di arrivare con politiche più equilibrate di bilancio a ridurre progressivamente la pressione fiscale. Siamo stufi di fare gli esattori, noi siamo dalla parte delle persone e vogliamo testimoniarlo con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione, compresi i ricorsi giudiziari. Stiamo anche valutando la possibilità dal punto di vista legale di adottare un provvedimento di rinvio della scadenza del pagamento. Vedremo se vinceranno le politiche di austerità o il sacrosanto diritti dei cittadini, e degli enti locali che li rappresentano, di dire una volta per tutte: basta”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu sui terreni agricoli, continua la battaglia del Comune di Priverno

LatinaToday è in caricamento