Economia Latina Scalo

Licenziamenti alla Chemtura, 16 ore di sciopero dei lavoratori

E' quanto deciso dalle assemblee dei lavoratori con i sindacati dopo l'incontro nei giorni scorsi tra le parti nella sede di Unindustria. Si parte giovedì 8 gennaio con 4 ore di stop

Sedici ore di sciopero da gestire di concerto tra rsu e Segreterie Provinciali, con una prima astensione dal lavoro l'8 gennaio nelle prime quattro ore di ogni turno. Questa la prima risposta dei lavoratori della Chemtura e dei sindacati alla decisione dell'azienda di collocare in mobilità 17 dipendenti dello stabilimento di Latina Scalo.

Immediate le assemblee dei lavoratori convocate all’indomani dell’annuncio da parte dell’azienda. “Un Natale estremamente amaro per queste persone che l'azienda ha deciso di licenziare e che - commenta la Femca Cisl -, lancia un preoccupante segnale di allarme per tutte le maestranze, che non riescono a comprendere come ad essere colpiti dalla riduzione di personale siano anche settori dove si lavora a pieno ritmo, e dove la produzione non manca”.

Elementi questi evidenziati da molti lavoratori nel corso delle affollate e partecipate assemblee informative tenute dalla rsu, e dai segretari provinciali di Filctem Cgil, Femca Cisl, Filctem Cgil, Walter Cassoni, Roberto Cecere, Luigi Cavallo dopo il primo incontro tra le parti che si è svolto giovedì pomeriggio in Unindustria Latina.

“Una riunione - spiega la Femca - che ha delineato posizioni ancora distanti, con il tentativo sindacale di aprire un dialogo con l'azienda per raggiungere un percorso che tenga conto, certo delle esigenze aziendali di ridurre i costi per accrescere la competitività sui mercati, ma che non faccia pagare totalmente, e nel modo peggiore, ai soli lavoratori questo prezzo”.

"La Chemtura ci ha spiegato come uno dei punti primari sia costituito dalla necessità di recuperare maggiore attenzione al cliente - ha commentato Roberto Cecere Segretario Generale della Femca Cisl di Latina -, ed ha sottolineato come, ad oggi, il prezzo del suo prodotto sia superiore del 20% di quello di mercato, cosa questa che comporta  problemi di competitività non indifferenti. Ci auguriamo di raggiungere un accordo a tutto tondo dove si tenga conto della eventuale ricollocazione dei dipendenti in altri settori della fabbrica, di quanti, in una eventuale procedura di mobilità, possano agganciarsi alla pensione e di eventuali volontari che decidessero, incentivati, di lasciare spontaneamente l'azienda.

Il management di Chemtura si è riservato di darci una risposta in tal senso. L'augurio è che dopo queste feste natalizie,  possano arrivare buone notizie in grado di stemperare il clima estremamente negativo che si è sviluppato in azienda in queste ultimi giorni."

Il prossimo incontro è stato fissato per il prossimo 9 gennaio e sarà preceduto dallo sciopero di 4 ore che si terrà  giovedì 8 gennaio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamenti alla Chemtura, 16 ore di sciopero dei lavoratori

LatinaToday è in caricamento