Economia

Mercato immobiliare, Fiap: “Case più costose. Colpa delle tasse”

L’allarme del presidente Nardi: “Le imposte sul comparto casa hanno raggiunto vette inimmaginabili; l’aumento della pressione fiscale annulla il calo delle quotazioni immobiliari e delle utenze domestiche”

Il 2014 sarà l'anno della stabilizzazione per il settore immobiliare; questa la speranza della Fiaip - la Federazione italiana degli agenti immobiliari professionali – che guarda al futuro. Ma il tutto sarà possibile se il governo non legifererà “in maniera massiva e confusionaria come ha fatto negli ultimi sei mesi”.

“L'anno appena iniziato ricalcherà nella prima parte l'ultima del 2013 – spiega Santino Nardi, presidente provinciale di Fiaip -, e nel secondo semestre avremo qualche minimo segnale di ripresa, con la speranza però che il nostro governo non legiferi in maniera difficile a comprendersi come ha fatto negli ultimi sei mesi per quanto riguarda l'ex Imu.

Le imposte sul comparto casa hanno raggiunto vette inimmaginabili: siamo il paese che ha la tassazione immobiliare più alta al mondo”. La casa ed i costi ad essa connessi rappresentano infatti uno dei problemi principali degli italiani. “Non a caso – continua Fiaip - il tema della tassazione sugli immobili e la confusione che ancora lo circonda sono tutt'oggi il nodo centrale delle discussioni e degli interventi dei vari schieramenti politici.

Ma i costi relativi all'abitazione non si limitano alla tassazione. Secondo il consueto monitoraggio del centro studi Fiaip, nel 2014, i costi relativi al mantenimento di una casa (comprese tutte le utenze) sono aumentati mediamente del 2%. E a Latina? Aumenti computabili nella stessa misura”. “Prendiamo ad esempio un appartamento-tipo di 90 mq in zona semicentrale: tali costi – spiega Nardi - ammontano rispettivamente, nel 2014 a 1728,19 Euro al mese per un appartamento in affitto (+33,49 Euro al mese rispetto al 2013) e 1158,80 euro al mese per un appartamento di proprietà (+28,10 Euro al mese rispetto al 2013).

Aumenti che potrebbero risultare contenuti, ma che sono invece sorprendenti in quanto quasi tutte le voci che compongono la sommatoria dei costi risultano tendenti al ribasso, dal gas alla telefonia, al costo stesso degli appartamenti e dei canoni d’affitto. A crescere, invece, e a mangiarsi tutto il bonus risparmio delle predette voci, sono le poste relative alla IUC, specialmente per i proprietari di casa, per i quali si configurerà, come purtroppo avevamo previsto, come una vera e propria "simil Imu"”.

“È fondamentale che il Governo intervenga con urgenza facendo chiarezza sul fronte della tassazione – conclude Nardi -: le famiglie si trovano infatti nel panico, sono in molti a non aver ancora capito cosa dovranno pagare ed entro quando. Inoltre è necessario che prenda provvedimenti concreti per fornire un sostegno concreto alle famiglie, rilanciando la domanda di mercato, avviando un serio piano per la ripresa dell'occupazione e dotando il Paese di un serio piano per l'edilizia residenziale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato immobiliare, Fiap: “Case più costose. Colpa delle tasse”

LatinaToday è in caricamento