rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia

Mercato immobiliare, segnali di ripresa: compravendite in crescita

I dati presentati da Santino Nardi, presidente Fiaip Latina: "Le compravendite rispetto ai periodi migliori del mercato si sono dimezzate" ma ci sono buone speranze per il futuro. Segnali di vita anche per i mutui

Qualcosa si sta muovendo nel mercato immobiliare. Dopo un periodo nero che ha riportato le compravendite ai livelli del 1985, finalmente pare esserci qualche lieve segnale di ripresa. A sostenerlo è Santino Nardi, presidente Fiaip Latina, che nel presentare l'Osservatorio del Mercato Immobiliare datato settembre 2013.

"Inutile nascondersi - spiega Nardi -: le compravendite rispetto ai periodi migliori del mercato si sono dimezzate. Le cifre sono spietate e trasmettono tutta la gravità della situazione, eppure dopo anni di numeri sempre più da incubo, abbiamo finalmente rilevato una moderata speranza per il futuro: non si può ancora certamente parlare di un'inversione sensazionale, ma esiste la concreta percezione che il clima stia cambiando, anche se siamo consapevoli che la ripresa sarà lenta e variabile a seconda dei diversi centri zona del nostro territorio”.

Ed eccoli i numeri dell’OMI, il rapporto stilato dall’Agenzia del Territorio in collaborazione con la stessa Fiaip: nella provincia di Latina, a fronte di 769 transazioni condotte con successo nel primo trimestre 2013, sono salite ad 874 nel periodo successivo (+14%), e crescita analoga si è riscontrata, circoscrivendo i risultati al solo capoluogo, (257 compravendite perfezionate contro 227 dei primi tre mesi 2013). 

“Questo anche grazie alla consapevolezza dei proprietari - sottolinea Nardi -, i quali consci della flessione di mercato, si sono adeguati alla realtà del minor prezzo a mq”. Anche per lo scenario dei mutui sembra presagirsi un futuro meno nero. “Tra i dati presentati - prosegue Nardi nella sua analisi - spiccano quelli relativi ai mutui rilevati dai colleghi di Auxilia Finance, partner finanziario Fiaip, dai quali emerge come siano in crescita esponenziale le domande di finanziamento, in particolare come nel mese di luglio si sia registrato un promettente +2% rispetto allo stesso mese 2012, ad agosto +4,1% e a settembre la crescita sia andata oltre il 7%”.

E gli istituti bancari stanno tornando ad aprire i cordoni, almeno per le richieste suffragate da una certa garanzia, dopo mesi di chiusura su tutti i fronti, come testimonia Alessandro Bonucci, responsabile nazionale del coordinamento commerciale Auxilia Finance. E le richieste accolte dalla rete bancaria fanno segnalare un incoraggiante +4% su base trimestrale. "Circa la tipologia pontina di chi accede al credito - prosegue lo studio Fiaip - ad oggi si conferma la preferenza verso le fasce più basse dell'offerta, con oltre il 75% delle domande di mutuo di valore inferiore ai 150.000 euro, coerentemente con la contrazione dei prezzi degli immobili. La durata dei finanziamenti richiesti preferita dai nostri concittadini continua ad essere compresa tra i 25 e i 30 anni, e la fascia di età dei richiedenti più frequente è tra i 35 e i 44 anni.

Bisogna riconoscere il merito anche al governo - conclude Nardi - che con importanti interventi normativi ha finalmente riconosciuto il ruolo anticiclico del mercato immobiliare. Purtroppo in questi giorni le vicende di attualità mettono a rischio tante situazioni, ci auguriamo che il buon senso e l'interesse generale possano però alla fine prevalere”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato immobiliare, segnali di ripresa: compravendite in crescita

LatinaToday è in caricamento