Economia

Indagine Federlazio, per le imprese pontine saldi positivi ma scarsa fiducia nel futuro

Oggi la presentazione ufficiale dei dati da parte del direttore Saverio Motolese, alla presenza dell'assessore regionale al Lavoro Lucia Valente. Il quadro descritto dalle imprese locali è di grande incertezza

Il sistema produttivo subisce un nuovo rallentamento e il quadro generale, seppure presenti segnali positivi, indica che la percezione delle imprese pontine è ancora di grande incertezza sul futuro. Lo rivela la nuova indagine congiunturale di Federlazio, presentata oggi dal direttore Saverio Motolese, insieme alla presidente Antonella Zonetti, alla responsabile dell’ente di formazione Formare e all’assessore alle Politiche del Lavoro della Regione Lazio Lucia Valente. Il campione di riferimento è costituito da 350 imprese e i dati raccolti dall’Ufficio studi di Federlazio fanno riferimento al primo semestre 2016.

Il punto di partenza è appunto il clima di generale pessimismo della classe imprenditoriale della provincia, come confermato dal fatto che il 43,4% delle imprese intervistate dichiara che al momento, rispetto alla crisi, “non si intravede alcuna via di uscita” e per qualcuno (il 3,3%) addirittura “il peggio deve ancora venire”. In molti inoltre (il 10,3%) temono di dover chiudere la propria attività per il peggioramento delle condizioni economiche. Le problematiche lamentate dalle imprese locali sono relative soprattutto all’insufficienza della domanda, come rivela il 31,3% degli intervistati, ma anche il ritardo nei pagamenti da parte dei privati e della pubblica amministrazione, l’impossibilità di partecipare agli appalti e la mancata erogazione di credito bancario.

Eppure, nonostante il clima di incertezza, il 50% degli imprenditori pontini non ha smesso di fare investimenti per la propria azienda nel primo semestre dell’anno. Investimenti che si concentrano soprattutto nella creazione di nuovi prodotti e servizi, nel taglio dei costi di gestione e nel miglioramento della qualità dei propri prodotti. Dati positivi riguardano anche il fatturato, gli ordinativi e la produzione, quest’ultima con un saldo positivo del +33%.

Per quanto riguarda infine l’occupazione, i dati forniti dal campione delle imprese pontine fanno rgistrare un saldo positivo del 33% contro il 6% della media regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagine Federlazio, per le imprese pontine saldi positivi ma scarsa fiducia nel futuro

LatinaToday è in caricamento