rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia Prossedi

50 botteghe per rilanciare l’economia, Prossedi tra tradizione e innovazione

Presentato il progetto “Rivalutiamo Prossedi” che punta alla rivalutazione del centro storico del piccolo centro lepino e punta sul rilancio economico dei vecchi mestieri e dei prodotti agroalimentari

Si chiama "Rivalutiamo Prossedi" e punta alla rivalutazione del centro storico del piccolo centro lepino e punta sul rilancio economico dei vecchi mestieri e dei prodotti agroalimentari.

Questo il progetto presentato nei giorni scorsi a Prossedi, un’ambiziosa operazione di marcheting territoriale dell’amministrazione comunale e promossa dalla Sostengo Srl delle sorelle Laura e Sara Costigliola in collaborazione con Federlazio per riqualificare il paese valorizzare i prodotti tipici e le eccellenze e realizzare la prima vera rete di piccole e medie imprese.

IL PROGETTO - L’idea è quella di recuperare e ristrutturare le vecchie cantine in disuso recuperando la loro antica bellezza per poi assegnarle ai piccoli imprenditori dell’agroalimentare e agli artigiani che con le loro produzioni di qualità rappresentano l’eccellenza della provincia pontina.

L’inaugurazione delle botteghe è prevista per giugno 2015.

I COMMENTI - “Prossedi è la finestra dei Lepini sull’Agro Pontino – spiega il sindaco Angelo Pincivero -, ha una storia millenaria e bellezze monumentali di valore straordinario. E’ la cerniera tra le province di Latina e Frosinone, simbolicamente può diventare davvero la vetrina di un comprensorio molto vasto. Per questo crediamo fortemente in questo progetto di valorizzazione. Un progetto che potrebbe avere delle ricadute immediate anche sull’occupazione giovanile. I ragazzi prossediani scappano appena possono, abbandonano il paese perché qui mancano le prospettive. Il nostro obiettivo è quello di invertire la tendenza, offrire loro nuove opportunità”.

“Questo operazione in fondo nasce proprio dall’amore che nostro padre nutre nei confronti di Prossedi, un paese piccolo ma dal grande fascino – spiega Laura Costigliola, responsabile amministrativa di Sostengo Srl a cui è affidata lagestione provata del progetto -. Proprio l’amore, la riconoscenza verso questo posto e verso la sua gente ci ha indotti a fare qualcosa anche a favore della comunità locale, cercando di mettere l’esperienza e la forza del nostro gruppo al servizio della comunità, per migliorare la qualità urbana, lo sviluppo, l’economia di questo paese, anche se poi crediamo che le ricadute positive si potranno avere a cascata sull’intero territorio, sia sul versante pontino che su quello ciociaro. Ma non ci fermeremo in Italia - prosegue -. Esporetremo i prodotti delle nostre botteghe in tutta l’Europa e non solo; intendiamo farci conoscere anche sul mercato americano e medio-orientale.

Il progetto, che prevede investimenti per oltre 750mila euro, è già in fase avanzata di realizzazione - spiega ancora Laura Costigliola -. Diversi locali sono già stati ristrutturati, altri apriranno presto il cantiere. Nel giro di pochi mesi l’intero centro del paese sarà praticamente interessato dai lavori in vista del giugno prossimo, quando le prime botteghe apriranno al pubblico.

“Terminati i lavori di ristrutturazione - sostiene Sara Costigliola, responsabile commerciale di Sostengo Srl - metteremo le cantine a disposizione dei produttori, già arrestate e pronte per essere usate. Siamo in contatto con una decina di piccoli produttori che hanno già mostrato interesse per l’iniziativa. I prodotti che sceglieremo saranno quelli dell’agroalimentare di Prossedi e dei paesi limitrofi, dall’olio al vino, dai salumi ai formaggi, ma anche le lavorazioni artigianali, la conservazione dei vecchi mestieri come l’intreccio di paglia, il ricamo, la lavorazione sul vetro e sulla ceramica.

Una sfida che vedrà impegnati, accanto al Comune e ai privati, anche Federlazio.“Quello di Sostengo Srl – ha dichiarato il direttore Saverio Motolese – è un progetto che raccoglie insieme quelli che sono gli obiettivi da raggiungere per creare sviluppo. Le parole chiave per le piccole e medie imprese sono aggregazione e rete d’impresa, valorizzazione del territorio e internazionalizzazione, collaborazione con le amministrazioni locali. Cioè tutti elementi che, in funzione tra loro, creano sviluppo. Sara e Laura Costigliola hanno recepito questi indirizzi e li metteranno in pratica con un valore aggiunto: il made in Italy rappresentato dalle piccole aziende che affolleranno queste nuove botteghe al centro del paese. Un’iniziativa dunque destinata ad essere vincente anche grazie al supporto della pubblica amministrazione di Prossedi che ha sputo comprendere l’importanza di questo progetto per il territorio e i suoi cittadini”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

50 botteghe per rilanciare l’economia, Prossedi tra tradizione e innovazione

LatinaToday è in caricamento