Scandolara, niente stipendi: dipendenti in assemblea permanente

Dopo l'annuncio della chiusura dello sito di Cisterna, altra tegola per i lavoratori che non hanno ricevuto l'ultima mensilità. Ugl: "Ci appelliamo alla responsabilità sociale della società"

Nuova tegola per i dipendenti della Scandolara di Cisterna. Dopo l’annuncio della chiusura dello stabilimento ancora una tegola sulla testa dei dipendenti che non hanno ricevuto gli stipendi del mese di gennaio.

“Da stamattina alle 6.00, le lavoratrici e i lavoratori del tubettificio Scandolara di Cisterna di Latina sono in assemblea permanente”.

A renderlo noto è il segretario provinciale dell’Ugl Chimici di Latina, Armando Valiani, spiegando che “la decisione è stata presa dalla Rsu aziendale dopo che la società non ha pagato gli stipendi di gennaio”.

“Nonostante già a dicembre avessero ricevuto solo il 50 per cento della tredicesima – prosegue Valiani -, i dipendenti del tubettificio, con grande senso di responsabilità e coscienti della difficile situazione economica dello stabilimento, avevano dichiarato la propria disponibilità ad aumentare i ritmi di lavoro e ad effettuare straordinari per rispettare gli ordinativi se l’azienda li avesse retribuiti regolarmente. Invece, ieri hanno subito un’altra doccia fredda visto che, oltre alla notizia della chiusura dello stabilimento, ora devono affrontare anche il congelamento degli stipendi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono quindi sul piede di guerra i lavoratori e la stessa organizzazione sindacale: “Ci appelliamo alla responsabilità sociale dei vertici della Scandolara – conclude il sindacalista – e chiediamo di porre fine a questo atteggiamento inaccettabile. Faremo tutto il possibile per ottenere risposte concrete per i dipendenti di Cisterna di Latina – conclude – che sono costretti a ricorrere a forme di lotta estrema per ottenere il riconoscimento di un diritto che dovrebbe essere basilare: essere retribuiti regolarmente e interamente per il lavoro svolto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus, contagi inarrestabili: altri 181 casi nel Lazio e 23 in provincia di Latina

  • Coronavirus: altri 19 casi in provincia, record a Cisterna. Un paziente morto per covid

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

  • Coronavirus Latina: casi positivi in due scuole elementari, chiuse quattro classi

  • Coronavirus Latina, la curva dei contagi non si ferma: altri 24 casi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento