Sindacati, Roberto Cecere eletto segretario generale della Cisl di Latina

L'elezione avvenuta nel corso del Consiglio Generale alla presenza del segretario nazionale Annamaria Furlan e davanti ad una platea di circa 500 partecipanti

E’ Roberto Cecere il segretario generale della Ust Cisl dell'Area Vasta Latina, Anzio, Nettuno. 

L’elezione oggi nel corso dei lavori dei Consigli Generali di tutte le categorie, riuniti in sessione congiunta, in occasione della visita sul territorio pontino della Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan; con lei presente anche Andrea Cuccello, Segretario Generale Regionale del Lazio. 

A completare la segreteria Giuseppe Di Prospero e Maria Annunziata Veltri. 

Laureato in giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma con una tesi sulla Rappresentanza Sindacale nei luoghi di lavoro, Roberto Cecere è avvocato, proveniente dal settore energia Eni e Segretario della Femca Cisl di Latina, per conto della quale ha seguito in questi anni importanti e delicate vertenze che hanno interessato l'industria in provincia, a partire da quelle del settore chimico farmaceutico, dove spesso più profonde e radicali sono state le situazioni affrontate.

Andrea Cuccello si è soffermato particolarmente sui temi del territorio, ricordando l'azione che il sindacato sta effettuando nei confronti della regione Lazio per garantire maggiore interventi e risorse ai territori provinciali specialmente  in tema di “politiche attive per il lavoro e dei beni culturali attingendo ai fondi europei per cercare di garantire a quel 40% di giovani non occupati,tra i 16 ed i 29 anni, la possibilità di un futuro riportandoli nel ciclo produttivo". E alla comunità dei Sikh, presente in sala con una folta delegazione, ha assicurato "la presenza al vostro fianco della Cisl per una battaglia di civiltà e garanzie dei diritti, perchè non può esserci integrazione se le persone sono pagate un terzo di quanto prevedono i contratti nazionali".

L'intervento di Annamaria Furlan si è incentrato su temi quali il rinnovo dei contratti fermi da anni, la riforma delle pensioni, la sicurezza sui luoghi di lavoro, un fisco più equo, la necessità di cambiare l'economia del paese puntando su innovazione, qualità, ricerca e su di un' Europa dei popoli e non degli egoismi dei singoli stati. Ha ricordato la necessità di un cambiamento "che metta al centro il valore sociale del lavoro come momento importante nella vita delle persone. Tutto è importante, ma se non c'è il senso del lavoro ed il rispetto per chi lavora non si esce dalla crisi", in cui il sindacato sia parte attiva del processo e la Cisl punto di riferimento sociale. 

"Una Cisl - ha concluso tra gli applausi la Segretaria Nazionale - che oggi a Latina scrive una bella  pagina che potrà servire da esempio per altre realtà, dove tutto il gruppo dirigente è stato chiamato in questo momento così importante, a stringersi intorno alla nuova segreteria, segno di una organizzazione che vuole crescere, essere sana, esprimere fiducia nel futuro ed in una Cisl del domani più forte e più coesa". 

"Il primo pensiero va a tutti quei lavoratori che hanno perso il lavoro e ai giovani che non riescono a trovare un’occupazione - ha detto Cecere ringraziando i circa 500 partecipanti per la numerosa presenza ai lavori della giornata, ed il Consiglio Generale per la fiducia accordatagli -. Bisogna mettere insieme un sistema sinergico, in grado di dare risposte rapide. Rivendichiamo con forza gli impegni presi dal Ministro del Lavoro, Poletti, che nell’ultima visita sul nostro territorio, aveva promesso di far partire le politiche attive sul lavoro proprio su Latina, individuando un laboratorio sperimentale per l’applicazione di questo  nuovo servizio per l’inserimento dei lavoratori nel mondo del lavoro”. 

Nel chiudere il suo intervento Cecere ha ricordato "che bisogna ripartire dal basso, mettere al centro dell’azione sindacale, la capacità e le responsabilità di ognuno. Oggi c’è sempre più l’esigenza di costruire un modello dove tutti si sentano responsabili della propria missione. Dobbiamo costruire tutti insieme una comunità vivibile dove ci siano attività economicamente sostenibili, socialmente responsabili e culturalmente stimolanti. Rimettiamo al centro della nostra missione le persone, perchè su questo concetto è  nata ed è stata fondata la nostra grande Cisl. Grazie a tutti, sarà dura, ma vi prometto che ce la faremo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento