rotate-mobile
Economia

Tassa sulla pubblicità, Pd: "Una vera batosta per i commercianti"

Il Pd che si schiera contro ciò che definisce "un accanimento della giunta di Giorgi contro le attività commerciali" chiedendo "una verifica e soprattutto iniziative a sostegno del settore"

Tempi duri per i commercianti pontini costretti anche loro a fare i conti con la crisi economica. Al periodo di difficoltà generale si aggiunge anche la decisione della società concessionaria dei servizi di pubblicità, la Do.Gre, di attuare una politica di accertamenti fiscali mirati a recuperare somme di denaro.

Per questo motivo i commercianti pontini hanno deciso di far sentire la loro voce annunciando che in segno di protesta dal 6 al 12 dicembre spegneranno le insegne dei loro negozi.

Sembra che nell’ambito di questi accertamenti si potrebbe arrivare “addirittura a conteggiare tra la pubblicità le scritte sopra gli zerbini e gli adesivi attaccati nelle vetrine dei negozi: un comportamento del tutto fuori luogo e non in linea con il periodo di crisi economica che sta pesando notevolmente sulle attività commerciali e della piccola e media impresa cittadina” commentano alcuni esponenti del Partito Democratico che puntano il dito contro quelle che considerano delle “vessazioni dell’amministrazione comunale di Latina nei confronti dei commercianti: ormai la politica tributaria della giunta Di Giorgi assomiglia sempre di più a un vero e proprio accanimento”.

“L’atteggiamento della giunta Di Giorgi, dell’amministrazione comunale e dei concessionari del servizio di pubblicità  - commenta il capogruppo del Partito democratico Giorgio De Marchis - è incomprensibile, fuori da ogni logica  non trova nessuna giustificazione né di ordine amministrativo né di ordine tributario. Siamo favorevoli alle attività di accertamento e di recupero dell’evasione tributaria, tuttavia in questa circostanza ci troviamo davanti a un’altra strategia che punta a fare cassa cercando di tassare qualsiasi cosa sia tassabile. Quanto sta succedendo è grave, anche alla luce dell’assenza totale di informazione e di dibattito del Consiglio comunale”.

“Abbiamo chiesto – aggiunge il consigliere comunale del Pd Omar Sarubbo  - l’immediata convocazione delle commissioni Bilancio e Commercio con l’audizione delle associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato e della piccola e media impresa interessate perché vogliamo conoscere le motivazioni che hanno indotto questo tipo di scelta e soprattutto vogliamo capire se questa linea era stata concordata con l’amministrazione comunale”.

Il Pd si dice pronto a presentare una mozione in Consiglio comunale “per avere maggiore chiarezza su quanto sta avvenendo, per definire i tempi di una moratoria e stabilire, diversamente da quanto fatto dalla giunta, iniziative a sostegno del commercio e non vessatorie come quelle messe in campo in questi giorni”.

“Esprimiamo la totale solidarietà alle associazioni dei commercianti e agli esercenti – concludono De Marchis e Sarubbo – che hanno indetto lo sciopero delle insegne per i prossimi giorni”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa sulla pubblicità, Pd: "Una vera batosta per i commercianti"

LatinaToday è in caricamento