Economia

Tassa sulla pubblicità, Confesercenti: sospesa la protesta delle insegne

La decisione dopo l'incontro con l'assessore al Bilancio Maietta, alla presenza anche della Do.Gre: i commercianti per protesta avrebbero dovuto spegnere le insegne

Sospesa la protesta indetta da Confesercenti che aveva chiesto ai commercianti di spegnere le insegne dei loro negozi per protestare contro la tassa sulla pubblicità. La decisione è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri dopo un incontro con l’assessore al Bilancio del Comune di Latina, Pasquale Maietta a cui ha partecipato anche la stessa società Do. Gre.

“Apprezziamo l’operato e l’intervento dell’assessore al Bilancio Pasquale Maietta, soprattutto il taglio che lo stesso ha voluto dare all’incontro operativamente e concretamente convocando la Do.Gre. e la nostra associazione per discutere in merito alle richieste di pagamento ricevute dai commercianti del comune di Latina relativamente all’imposta comunale sulla pubblicità e occupazione suolo pubblico. – afferma il presidente dell’associazione Giuseppe Fiacco –. Questo a dimostrazione del fatto che probabilmente si sia preso atto delle problematiche da noi segnalate ai nostri operatori che, oltre alla crisi economica ed ai suoi effetti disastrosi, negli ultimi giorni si sono visti recapitare ulteriori richieste di pagamento per l’imposta comunale sulla pubblicità  ed occupazione del suolo pubblico in applicazione della legge nazionale di riferimento”.

Due gli obiettivi che Confesercenti si dice di aver raggiunto; “quello di aver ottenuto l’impegno della amministrazione comunale affinchè gli esercenti raggiunti da avviso di pagamento non siano gravati da sanzioni da parte della Do.Gre”, e in secondo luogo la possibilità concessa all’associazione di “presentare all’amministrazione comunale un vademecum con le istanze dei commercianti al fine di poter apportare modifiche e/o correzioni nel merito del problema”.

“Riteniamo a questo punto di poter sospendere l’agitazione e quindi la provocazione di tenere spente le insegne dei locali commerciali della città dal 6 al 12 dicembre in attesa dell’evolversi della situazione confidando comunque in un risultato positivo ovviamente fatta salva la possibilità di riprendere l’iniziativa di protesta in avanti qualora e nella malaugurata ipotesi fosse necessario – conclude Fiacco -. La Confesercenti si farà promotrice di raccogliere tutte le istanze degli operatori avanzando proposte risolutive e migliorative nell’esclusivo interesse degli operatori stessi”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa sulla pubblicità, Confesercenti: sospesa la protesta delle insegne

LatinaToday è in caricamento