Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia Centro / Piazza del Popolo

Sindacati in piazza: “La tassazione locale opprime i cittadini”

Protesta in piazza del Popolo nel pomeriggio di giovedì 27 novembre “contro il rincaro della tassazione locale, a seguito della cancellazione totale di alcune agevolazioni previste per anziani e fasce deboli”

I sindacati scendono in piazza contro “il rincaro della tassazione locale, a seguito della cancellazione totale di alcune agevolazioni previste per anziani e fasce deboli”.

Protesta giovedì 27 novembre di Federconsumatori, Cgil, Spi Cgil e Caaf Cgil che dalle 16 saranno in piazza del Popolo a Latina.

“Sono passati esattamente 20 anni dall’inizio della seconda Repubblica –  si legge in una nota- con governi e rappresentanti delle istituzioni che si sono alternati alla guida del Paese e nulla è cambiato per i cittadini. Sentenze della Corte Costituzionale e Referendum che vengono continuamente affossati con decreti ministeriali che di volta in volta ribaltano ciò che legalmente e pubblicamente viene deciso”.

La crisi si riversa sui cittadini e in particolare grava sulle fasce deboli in modo sempre più pressante – continuano i sindacalisti -. La mancata indicizzazione delle pensioni, i continui tagli al settore pubblico lasciano il cittadino sempre più solo a fronteggiare la crisi che ci opprime”.

In piazza del Popolo saranno presenti anche alcuni sindaci della provincia di Latina che hanno aderito alla manifestazione e che insieme ai rappresentanti delle quattro sigle organizzatrici risponderanno alle domande dei cittadini che vorranno essere informati rispetto alla tassazione locale, ai suoi cambiamenti e alle possibilità di modificarla.

I TEMI

L’ACQUA CHI E’ - È della gente che ne può usufruire a fronte del pagamento di una corretta tariffa, o è dei privati che la gestiscono continuando a realizzare profitti anche dopo l'ormai noto referendum? E i sindaci che ruolo hanno all'interno di questo meccanismo?
TARES - Perché pagare ancora l’IVA sulla spazzatura?
TASI - Ma l’Ima non era stata abolita? Questa rimane per le seconde case e la Tasi è più onerosa per le prime. Il nuovo balzello sul patrimonio casa, senza fare una vera patrimoniale è solo la via più rapida per risanare le casse fallimentari dei comuni incapaci di mettere in discussione le proprie capacità gestionali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacati in piazza: “La tassazione locale opprime i cittadini”

LatinaToday è in caricamento