Sermoneta punta sul turismo 2.0, il borgo lepino alla ribalta nazionale alla Bit di Milano

Nel capoluogo lombardo dall'11 al 13 febbraio si daranno appuntamento 600 buyer e 2mila aziende provenienti da 100 Paesi, per 60 mila visitatori stimati. Presente anche il borgo lepino da sempre molto attento al settore del turismo

Sermoneta punta sul turismo 2.0 e torna alla ribalta nazionale partecipando alla più importante manifestazione legata al turismo, la BIT di Milano dove sarà rappresentato dal Presidente del Consiglio e assessore al turismo Luigi Torelli.

Nel capoluogo lombardo dall’11 al 13 febbraio si daranno appuntamento 600 buyer e 2mila aziende provenienti da 100 Paesi, per 60 mila visitatori stimati.

“L’offerta turistica culturale e la valorizzazione delle tradizioni sono settori in forte crescita da quando Sermoneta porta avanti progetti di spessore, con l’obiettivo di promuovere itinerari integrati enogastronomici, turistici e culturali nell’area di interesse dei soggetti istituzionali coinvolti – spiega Torelli –. Ne è la riprova l’Expo di Milano 2015, evento significativo al quale abbiamo partecipato”.

L’Amministrazione comunale di Sermoneta spinge la propria azione verso una consolidata notorietà nel campo del turismo e su questo fronte è impegnata a gestire questo successo sulla creatività di strumenti di marketing in prospettiva strategica.

“C’è grande fermento in Italia e nel Lazio intorno ai Borghi, intesi come riferimento di uno stile di vita e di vacanza – aggiunge l'assessore –. Abbiamo puntato da sempre al recupero e valorizzazione del centro storico verso meccanismi di rivitalizzazione ad una funzione turistica e ricettiva. È giusto conservare e salvaguardare il patrimonio ereditato - continua Torelli - ma occorre anche attrarre nuovi investimenti, imprese e nuovi cittadini. Da parte nostra ce la stiamo mettendo tutta e l'incremento dei visitatori a Sermoneta negli ultimi anni è un risultato concreto di questa azione, mirata a uscire dal panorama locale per proiettarsi verso una dimensione nazionale e internazionale”.

Ne è un esempio la mappatura da parte di Google del centro storico, scelto dal colosso americano quale uno dei sei borghi più belli d’Italia. Un risultato ottenuto nell’ambito del progetto “Gioielli d’Italia” di Enit e Ministero del Turismo; il riconoscimento Destinazione Europea d'Eccellenza, la Bandiera Arancione per il Turismo, il marchio Comune Fiorito sono altre azioni portate avanti dalla precedente amministrazione Giovannoli e da quella attuale Damiano per esportare il nome di Sermoneta.

“Partecipare alla Bit – aggiunge Torelli – significa promuovere e far conoscere la nostra città d’arte, il territorio, l’ambiente, la natura senza dimenticare l’enogastronomia. Intendiamo puntare sul turismo alla ricerca di 'novità' da inserire a catalogo, per uscire dagli schemi tradizionali d’offerta e per costruire proposte coinvolgenti. Ingredienti, in altre parole, di un’accorta strategia di marketing turistico tesa ad avvicinare i singoli prodotti, espressione delle diverse facce del turismo, non solo di Sermoneta ma dell’hinterland dei Comuni vicini”.

Per Torelli, partecipare a questi eventi internazionali costituisce un ulteriore passo in avanti verso un percorso amministrativo “consapevole e aperto non solo alle dinamiche del mercato nazionale e internazionale, ma strategia nell’ambito della città”: “Non si può vivere di rendita".

Marketing territoriale, nuove strategie di comunicazione aperte alle nuove tecnologie, collaborazione con le Associazioni locali, sviluppo del settore cinematografico, enogastronomia, rapporto qualità-prezzo: questi i settori su cui l'amministrazione Damiano sta lavorando «per rendere sempre di più Sermoneta – conclude l'Assessore Torelli – vero punto di riferimento della provincia di Latina e non solo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento