Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Un futuro sostenibile per le isole di Ventotene e Santo Stefano: parte il laboratorio di innovazione

Il percorso voluto dalla Regione Lazio attraverso Lazio Innova, dal Comune dalla commissaria straordinaria del Governo per il recupero dell'ex carcere borbonico porterà a supportare le risorse locali nell'ottica di uno sviluppo turistico che guarda all'ambiente

Un laboratorio di innovazione per lo sviluppo turistico sostenibile delle isole di Ventotene e Santo Stefano. La Regione Lazio, attraverso Lazio Innova, e il Comune di Ventotene in collaborazione con il commissario straordinario del Governo per il recupero e la valorizzazione dell'ex carcere borbonico di Santo Stefaano, Silvia Costa, hanno avviato il percorso che porterà a supportare le risorse locali in un'ottica di turismo sostenibile.

L'obiettivo è quello di contribuire alla realizzazione di progetti innovativi nell'ambito dei servizi di accoglienza e tra le iniziative che saranno messe in campo ci sono laboratori per individuare nuovi processi e tecnologie in grado di sosddisfae il fabbisogno di innovazione espresso dall’isola, ma anche percorsi di formazione per il trasferimento di competenze adatte alla progettazione di nuovi prodotti e servizi innovativi.

“Il progetto di valorizzazione delle isole pontine è il segno evidente che c’è una gran voglia di ripartire e di ricostruire insieme ai territori e alle comunità locali un nuovo modello di sviluppo più sostenibile e innovativo - ha dichiarato l'assessore regionale allo Sviluppo economico Paolo Orneli - Con l’avvio del laboratorio d’innovazione nel comune di Ventotene, la Regione Lazio vuole fare la sua parte per stimolare buone idee e farle diventare imprese. È una grande opportunità per generare lavoro e sviluppo, per tornare presto a far vivere questi luoghi e costruire il futuro migliore di prima” . “Per Ventotene e Santo Stefano quello che stiamo vivendo è un momento storico intenso e pieno di significato sotto ogni punto di vista – ha dichiarato Gerardo Santomauro sindaco di Ventotene - L'amministrazione comunale di concerto con gli altri attori si sta impegnando al massimo delle sue possibilità per arrivare pronta all'appuntamento che vedrà recuperato l'ex carcere di Santo Stefano a tal proposito ha aderito con immediatezza a questo progetto ritenendo un percorso di Social Innovation fondamentale per l'isola di Ventotene ed il suo sviluppo futuro”.

“Questo bel progetto - ha aggiunto la commissaria straordinaria del Governo Silvia Costa - nasce dall’ascolto costante della comunità di Ventotene e dalla condivisione con l’amministrazione comunale e la Regione Lazio di un obiettivo strategico: il progetto di recupero dell’ex carcere di Santo  Stefano deve rappresentare  l’occasione per un rilancio dell’economia di Ventotene e della riqualificazione e destagionalizzazione della sua offerta turistica, ricettiva, culturale e ambientale. Sono molto grata all’assessore regionale Paolo Orneli per le attività di accompagnamento e sostegno concreto che con Lazio Innova ha messo in campo, al sindaco Santomauro per avere attivato una buona sinergia con lo sportello imprese e la società di servizi del Comune e infine desidero esprimere un particolare ringraziamento ad Andrea Nardone della struttura commissariale.” 

Il 13 maggio alle 17,30 è in calendario un tavolo di consultazione aperto al confronto e al contribuito di stakeholder e cittadini, per la definizione delle azioni da intraprendere all’interno del progetto. A seguire, il 20 maggio alle 18, si terrà un webinar per l’avvio del percorso gratuito di accompagnamento a cura di Lazio Innova rivolto a team e imprese, per una successiva verifica di fattibilità di nuove idee imprenditoriali per le isole di Ventotene e Santo Stefano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un futuro sostenibile per le isole di Ventotene e Santo Stefano: parte il laboratorio di innovazione

LatinaToday è in caricamento