Economia

Il ministero apre la vertenza sul kiwi malato, Coldiretti soddisfatta

Il dicastero delle Politiche agricole intenzionato a trovare soluzioni alla fitopatia che sta minando la produttività delle piante. Il direttore provinciale Viola: "Serve intervento urgente"

La Coldiretti di Latina plaude all’indiscrezione secondo la quale il ministero delle Politiche agricole avrebbe accolto la richiesta della Regione Lazio della convocazione di un tavolo nazionale sulla problematica della fitopatia che sta colpendo la pianta del kiwi, danneggiando la produzione.

 “Avevamo chiesto sostegno al ministero – spiega soddisfatto Saverio Viola, direttore della Coldiretti di Latina – per tentare di raggiungere risultati concreti contro un’emergenza che si è trasformata in vera e propria urgenza. Solo con un intervento a livello nazionale si potrà, infatti, a parer nostro, rendere più incisiva l’azione di sostegno ai produttori e quella di contrasto alla fitopatia del kiwi. Strategico sarà anche il ruolo della ricerca scientifica che tramite alcuni rappresentati prenderà parte alle riunioni”.

"Oggi più che mai è necessaria concretezza oltre che un confronto utile a concertare le azioni comuni in grado di contrastare il grave problema della batteriosi del kiwi e sostenere i nostri produttori" aggiunge Viola.

Il comparto del kiwi coinvolge nella provincia di Latina 9 comuni e con oltre 1.600 aziende produttrici, 5.000 ettari coltivati e una produzione annuale di circa 1 milione di quintali e rappresenta ben il 69% dell’intera produzione regionale con un indotto notevolissimo. “Numeri importanti – aggiunge il presidente provinciale di Coldiretti, Carlo Crocetti – presidente di Coldiretti Latina – non solo per la nostra provincia e per l’agricoltura laziale ma per tutta la filiera nazionale del prodotto. Auspichiamo che davvero in tempi brevi si possa convocare questo tavolo presso il Ministero”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ministero apre la vertenza sul kiwi malato, Coldiretti soddisfatta

LatinaToday è in caricamento