Economia

Vertenza sul prezzo del latte, domani tavolo di discussione in Regione

Le aziende del settore zootecnico attendono novità dall'assessorato alle politiche agricole. La Coldiretti promette battaglia e non esclude una serrata dei produttori

Con l’orecchio rivolto a Roma, dove domani l’assessore regionale alle politiche agricole Pietro Di Paolantonio esaminerà la delicata vertenza sul prezzo del latte, ma già pronti ad azioni clamorose come il blocco delle consegne. È l’atteggiamento degli operatori del settore zootecnico, che continuano la loro battaglia contro gli industriali (e in particolar modo con la Centrale del latte di Roma, oggi in mano al gruppo Parmalat-Lactalis) per l’adeguamento del prezzo.

“Purtroppo da mesi - spiega la Coldiretti in un comunicato - il prezzo è fermo a poco più di 40 centesimi per i fortunati produttori, per così dire, che conferiscono in Centrale, mentre per le altre pseudo strutture che operano a Latina e provincia neppure si raggiungono queste cifre”. Quaranta centesimi, un valore quattro volte inferiore al prezzo praticato nei confronti dei consumatori.

“La situazione resta intollerabile - afferma Saverio Viola, direttore della Coldiretti di Latina - siamo pronti a scendere in piazza. E, dopo aver avvisato anche il Prefetto e aver incontrato i nostri soci nelle varie riunioni, credo che senza manifestazioni eclatanti dal mondo industriale non arriveranno segnali di attenzione. Esistono anche realtà di industrie che non corrispondono da mesi le spettanze ai produttori dopo aver comunque acquisito e venduto il prodotto: tutto ciò è davvero vergognoso”.

I produttori del latte si dicono quindi pronti a forti azioni di protesta. Sulla possibilità del blocco delle consegne la Coldiretti non si sbilancia ancora: “Speriamo non si arrivi a questa decisione drastica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza sul prezzo del latte, domani tavolo di discussione in Regione

LatinaToday è in caricamento