menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(fonte foto parchilazio.it)

(fonte foto parchilazio.it)

Tra la spiaggia di Serapo e la Montagna Spaccata, ecco il Parco di Monte Orlando

Scopriamo le meraviglie di una delle più belle aree protette tra le più belle della provincia pontina; si trova a Gaeta ed è gestito dall'Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse

Un imponente roccia che si getta a picco per 30 metri di altezza nel mare; acque di un’azzurro intenso per un angolo di paradiso che si estende tra la Montagna Spaccata e la spiaggia di Serapo a Gaeta.

Sono solo alcuni degli elementi che caratterizzano la straordinaria bellezza del Parco di Monte Orlando, un’ area protetta gestita dall’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse insieme alle aree del Parco Regionale Suburbano di Gianola e Monte di Scauri e del Monumento Naturale di Sperlonga.

Si estende su di un territorio di 89 ettari di cui 59 di area terrestre e 30 di area marina il Parco rappresenta la parte terminale del sistema montuoso degli Aurunci.

LE CARATTERISTICHE DEL PARCO - Dalla forma tipicamente tondeggiante il promontorio Monte Orlando è legato a settentrione alla terraferma da un sottile lembo di terra e termina nella parte meridionale con un'alta costa rocciosa caratterizzata da spettacolari falesie.  Da un punto di vista geologico, infatti, ha risentito molto dell’azione corrosiva del mare e delle acque meteoriche che, appunto insieme all'erosione marina, hanno determinato grotte, cavità e crepacci come la "Montagna Spaccata", "La Grotta del Turco" e le caratteristiche falesie a picco sul mare.

Si vede in maniera evidente anche l'intervento dell'uomo, intervenuto nelle diverse epoche storiche, lasciando il suo segno su Monte Orlando con fortificazioni militari, costruite proprio all'esterno e all'interno dell'attuale Parco e che hanno reso Gaeta una fortezza di rilevanza strategica per il Regno di Napoli.

IL MARE - Per quanto riguarda l’aspetto naturalistico, da evidenziare i fondali marini che raggiungono anche la profondità di oltre 40 metri, e costituiti in gran parte da estese praterie di posidonie mentre si possono trovare anche cavallucci marini, le aragoste, i polpi e le stelle marine insieme a cernie e grandi esemplari di dentici, fragolini, saraghi e spigole.

DA VISITARE - Assolutamente consigliate, proprio per apprezzare le meraviglie che il mare offerte in questo angolo di paradiso, le escursione organizzata dall'area protetta all'interno di una imbarcazione speciale. Da non perdere poi anche la visita al Santuario della Montagna Spaccata che sorge su un pendio del Monte Orlando esattamente di fronte all'area naturale marina protetta, la visita al Mausoleo romano di Munazio Planco e la visita alle fortificazioni militari risalenti all'epoca borbonica.
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento