Martedì, 16 Luglio 2024
Economia

Le aziende pontine al Vinitaly di Verona per valorizzare le eccellenze locali

Al centro dell’iniziativa di Confagricoltura i vitigni autoctoni del territorio che hanno fatto la storia della produzione vitivinicola della provincia pontina. Due gli appuntamenti tra cui il pranzo speciale con un menù dello chef stellato Fabio Verrelli D’Amico

Anche la provincia di Latina sarà protagonista questo fine settimana al Vinitaly di Verona nell’ambito del percorso avviato da Confagricoltura per valorizzazione del distretto eno-agroalimentare locali e grazie a un progetto con la Camera di Commercio di Frosinone e Latina.

Al centro dell’iniziativa i vitigni autoctoni del territorio, partendo dal Bellone e dal Cesanese, che hanno fatto la storia della produzione vitivinicola della provincia pontina. Il progetto, in linea con quanto già realizzato lo scorso anno, prevede una serie di interventi di rilancio dell’attività di promozione del settore vitivinicolo legato a queste produzioni e che si svolgeranno per tutto il 2023. Confagricoltura Latina sarà presente presso lo stand di Confagricoltura Nazionale (Padiglione D, stand G-H-I) insieme ad alcune tra le più importanti aziende vitivinicole del territorio pontino con materiale informativo, tra cui contenuti editoriali e produzione video, che verranno resi noti anche attraverso i canali social dell’organizzazione agricola.

Due gli appuntamenti in programma, quello di domenica 2 aprile che prevede la degustazione con le aziende pontine di Confagricoltura Latina che proporranno i vini prodotti con i vitigni autoctoni del territorio (Stand Confagricoltura Nazionale, padiglione D, stand G-H-I), e quello di lunedì 3 aprile che prevede il pranzo con lo chef Fabio Verrelli D’Amico, una stella Michelin per il ristorante Materiaprima di Pontinia. Per questo appuntamento lo chef ha elaborato un menù per Confagricoltura Latina che valorizzerà i prodotti pontini e l’abbinamento con i vini prodotti da vitigni autoctoni del territorio (Stand Confagricoltura Nazionale, padiglione D, stand G-H-I).

“Dopo il successo dei progetti di valorizzazione avviati già dallo scorso anno – spiegano il presidente di Confagricoltura Latina, Luigi Niccolini e il direttore Mauro D’Arcangeli -, proseguiamo con il percorso che sta portando le eccellenze del nostro territorio all’attenzione del grande pubblico di alcuni tra i più grandi eventi nazionali e internazionali che interessano il comparto. Il Vinitaly è uno degli appuntamenti più importanti ma non tralasciamo altri incontri, come ad esempio la Milano Wineweek e la Merano Wineweek. Proprio per il Vinitaly ci presentiamo, tra l’altro, con un’altra eccellenza pontina, lo chef Fabio Verrelli D’Amico che vogliamo ringraziare per avere accettato l’invito di Confagricoltura Latina. Lo chef sta lavorando per presentare un menù incredibile che racconta, attraverso sapori inconfondibili, la storia di questa terra anche attraverso il sapore dei nostri vini. Ringraziamo, inoltre, la Camera di Commercio di Frosinone e Latina per avere creduto ancora una volta in una iniziativa che riteniamo fondamentale per sostenere le imprese e il comparto della provincia pontina, nella consapevolezza che alle eccellenze del nostro territorio servono spazi e iniziative che riescano a mettere in luce le capacità straordinarie dei nostri imprenditori agricoli”.

“Sono felice di avere accolto l’invito di Confagricoltura Latina – spiega lo chef Fabio Verrelli D’Amico - perché, proprio grazie alla loro iniziativa, riusciamo a portare all’attenzione del grande pubblico del Vinitaly le eccellenze della nostra terra. Sto lavorando, con la brigata del mio ristorante Materiaprima, a un menù che riesca a esaltare i sapori che da sempre mi accompagnano nel mio percorso di vita e professionale. Se per uno chef può essere semplice riconoscerli, perché fanno parte di noi stessi e del nostro retaggio culturale, meno facile è avere la capacità di riuscire a esprimere, davvero, cosa si prova mettendo in un piatto la propria vita, la propria terra, le tradizioni della nostra gente. Questo è quello che cerchiamo di fare da sempre ed è l’obiettivo finale che spero di raggiungere, supportato dagli abbinamenti con i nostri vini migliori: accompagnare chi assaggia i piatti proposti nel mio menù in un viaggio lungo queste terre”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le aziende pontine al Vinitaly di Verona per valorizzare le eccellenze locali
LatinaToday è in caricamento