Apertura delle Dimore Storiche, un successo la prima giornata: 12mila i visitatori nel Lazio

La rassegna al via il 25 aprile terminerà domenica 28 aprile. Numerosi gli appuntamenti anche in provincia. Presidente Zingaretti: “Sostenere la bellezza e valorizzare il patrimonio culturale sono gli strumenti vincenti”

Palazzo Caetani a Cisterna

E’ stata un successo la prima delle quattro giornate di apertura delle Dimore Storiche del Lazio. Sono i numeri forniti dalla Regione a parlare: 12 mila i visitatori che il 25 aprile hanno partecipato all’evento. 

Quattro giornate di apertura straordinaria e gratuita, fino al 28 aprile, con un ricco programma di spettacoli e percorsi di scoperta delle tipicità enogastronomiche del territorio. Tantissimi gli eventi che sono in programma anche nella provincia di Latina, da Cisterna a Priverno, da Formia a Minturno. 

Apertura Dimore Storiche: gli appuntamenti in provincia

"Valorizzare il patrimonio culturale della Regione Lazio è uno degli obiettivi su cui punta, da sempre, la nostra amministrazione - dichiara il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti - la grande partecipazione e l'entusiasmo del pubblico, già in questa prima giornata, ci confermano che sostenere la bellezza e valorizzare il patrimonio culturale sono gli strumenti vincenti. L’istituzione della Rete delle Dimore Storiche è stata concepita proprio per dare la possibilità al maggior numero di persone di ammirare la grande bellezza del Lazio, territorio con la più grande concentrazione di beni culturali e naturali al mondo".

L’iniziativa è realizzata con il supporto di Lazio Innova e la collaborazione di ATCL – Associazione Teatrale fra i comuni del Lazio, ARSIAL – Azienda Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio, Agro Camera, I.R.Vi.T. - Istituto Regionale Ville Tuscolane, Associazione Dimore Storiche Italiane e Associazione Parchi e Giardini d’Italia.

“Dodicimila persone nella sola giornata del 25 aprile hanno risposto alla nostra iniziativa scegliendo di visitare almeno uno degli 80 siti dell’immenso patrimonio di dimore, ville, parchi e giardini storici del Lazio, luoghi di grande fascino e incanto straordinariamente aperti fino a domenica 28 aprile accompagnati anche da un ricco programma di eventi musicali e degustazioni enogastronomiche - ha detto l’assessore al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio, Lorenza Bonaccorsi -. L’entusiasmo del pubblico conferma che la scelta della Giunta Zingaretti di lavorare per costruire intorno alla cultura e alla bellezza un sistema turistico competitivo, è quella giusta. Seguiteremo su questa strada puntando sui temi del viaggio lento, attivo e sostenibile, fatto di esperienze da vivere in ogni stagione per dare spazio alle grandi potenzialità dei nostri territori. Realizzeremo altre iniziative e progetti all’insegna della valorizzazione del grande patrimonio culturale del Lazio sempre con il supporto dell’Agenzia Regionale del Turismo, Lazio Innova, Agrocamera, Arsial e con la preziosa collaborazione dell’associazione della Rete delle dimore storiche del Lazio e dell’associazione Parchi e Giardini d’Italia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento