Edoardo Bennato conquista Cisterna: piazza gremita per il concerto di San Rocco

Un spettacolo che non ha tradito le attese quello del rocker italiano per la tradizione festa in onore del Santo Patrono. Per il finale niente fuochi, ma il sindaco assicura: “Cisterna avrà la sua festa pirotecnica”

Anche quest’anno migliaia di persone hanno affollato piazza XIX Marzo per il tradizionale concerto della Festa di San Rocco che non ha tradito le aspettative. Così come non ha tradito le attese Edoardo Bennato; l’ironico talvolta sarcastico cantastorie di protesta al ritmo di rock’n blues, l’artista scelto dall’Amministrazione comunale e dalla Pro Loco per festeggiare il Patrono San Rocco, ha conquistato Cisterna con una serata spettacolo.

Uno dei più grandi rocker italiani la cui grinta sembra non scalfita dai tanti anni di carriera e successi ha conquistato il pubblico dal palco allestito in piazza Xix Marzo. E sono stati proprio i suoi più grandi succesi - nella versione one man band con pedale da gran cassa, kazoo, chitarra e voce -  “Abbi Dubbi”, “Sono Solo Canzonette”, “Burattino senza fili”, ad aprire le due ore e mezza di concerto. Pochi minuti dopo il palco si popolava degli ottimi musicisti del suo nuovo tour e lo spettacolo e il ritmo invadevano e riscaldavano la piazza. Una carrellata di successi da “Un giorno Credi” a “L’isola che non c’è”, “Rinnegato”,  "Non farti cadere le braccia", “Meno male che adesso non c'è Nerone", “Il gatto e la volpe”, “Quando sarai grande”, “La fata” e tanti altri per concludere con “Nisida”.

edoardo_bennato_san_rocco_cisterna_2018_1-2

Toccante la spiegazione de “La calunnia è un venticello”, ispirata all'aria del “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, e dedicato a Enzo Tortora e Mia Martini le cui gigantografie scorrevano sul wallscreen. E poi tanti riferimenti alla realtà italiana, che sembra non voler imparare dai propri errori commessi nel passato.

Un’intensa serata di musica e contenuti che, forse, è riuscita a non far sentire troppo l’assenza dei tradizionali fuochi d’artificio.

Prima del concerto, il sindaco Mauro Carturan, visibilmente dispiaciuto, ha spiegato come le recentissime normative in materia di sicurezza pubblica non hanno consentito il consueto spettacolo pirotecnico. “Questa è un’amministrazione – ha detto – che ha scelto di stare nella legalità e quindi prende atto di quanto disposto. Tuttavia non faremo mancare a Cisterna i suoi tradizionali fuochi organizzando una festa pirotecnica probabilmente il 20 settembre, in un’area sufficientemente lontana dal centro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Trovato con cocaina e hascisc ammette tutto: "Dovevo pagare debiti di droga"

Torna su
LatinaToday è in caricamento