rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cultura

Festival internazionale del Circo – Città di Latina: presentata la 23° edizione

Torna l’annuale appuntamento con una delle manifestazioni a tema circense tra le più importanti al mondo, grandi ospiti, tanti eventi e qualche novità

Torna per la sua 23° edizione il Festival Internazionale del Circo – Città di Latina e lo fa in grande stile con ospiti di altissimo livello tra i giudici e partecipanti di grande talento provenienti da tutto il mondo.

L’edizione 2022 è stata presentata in conferenza stampa proprio nella giornata di lunedì 10 ottobre alla presenza dell’organizzatore e direttore artistico Fabio Montico, dei principali partner della manifestazione, ovvero gli imprenditori Luca Lepori del Park Hotel, Rino Polverino del 24mila Baci e Bernardino Passeri dell’azienda Distretti Ecologici, impresa romana che si occupa di transizione ecologica, dei presentatori Andrea Giachi e Alessia Dell’Acqua, Francesca Cristofoli direttrice della scuola di danza Modulo Centro Studi e del direttore di pista Tommy Cardarelli.

Riconoscimenti pubblici e complessa organizzazione

Come sempre il saluto di Fabio Montico al pubblico si concretizza nei ringraziamenti, non solo verso lo staff tecnico e artistico che ad ogni edizione lavora incessantemente affinché tutto proceda nel migliore dei modi, ma anche agli gli sponsor che sostengono fattivamente la realizzazione della manifestazione, che crescendo ogni anno, richiede sempre più sforzi organizzativi: dalla selezione dei numeri alla complessa pianificazione di arrivi di artisti da tutto il mondo, dagli alloggi alle assicurazioni e molto altro ancora. Un grande lavoro da parte di tutti che è ben ricompensato dal successo della manifestazione che ormai ha reso celebre Latina in tutto il mondo, e dal riconoscimento arrivato in questi giorni da parte del Ministero della Cultura che ha definito il Festival internazionale del Circo d’ Italia – Città di Latina uno delle manifestazioni a tema circense tra le più importanti al mondo.

Grande indotto per la città, pochi riconoscimenti locali

Un po’ a causa di una situazione politica cittadina a dir poco instabile, al fatto che “nemo propheta in patria”, i grandi riconoscimenti che il festival riceve a livello nazionale e internazionale non hanno lo stesso riscontro in città. Passa quasi inosservata la cosa che per circa 10 giorni l’anno, decine e decine di artisti, osservatori e pubblico che arrivano da diverse città e Paesi e si riversano a Latina e creano un grandissimo indotto, che non può che favorire i commercianti locali, soprattutto in questo periodo di grossa crisi. Pochi rendono merito al fatto che il Festival, accogliendo artisti provenienti da diversi Paesi favorisce la collaborazione e lo scambio di buone pratiche internazionale, andando al di là di differenze linguistiche, religiose, politiche e via dicendo coniugando i valori dello sport e della sana competizione.

Spettacoli, eventi collaterali e tariffe speciali

Come è tradizione il Festival i tanti artisti che si esibiranno saranno divisi in due spettacoli, la selezione A e la selezione B, che nei giorni da giovedì 13 a lunedì 17 ottobre si alterneranno in pista. Novità di quest’anno: non ci saranno guest star, ogni artista che si esibirà, sarà in gara. Ogni spettacolo sarà aperto dalle esibizioni di danza a cura della scuola Modulo Centro Studi Danza di Latina e della compagnia di ballo del Grande Circo di Budapest. Quest’anno, dopo lo stop dovuto alla pandemia, torneranno i matinée dedicati alle scuole e gli eventi collaterali a ingresso gratuito: una mostra di opere d’arte e fotografie a tema circense e il caffè letterario, a cura della giornalista pontina Dina Tomezzoli, durante il quale saranno presentati romanzi e saggi che parlano della vita nel circo, tra questi  “The Art of Practice”  (L’Arte delle Prove) scritto dal giocoliere ungherese Laido Dittmar che sarà anche tra i 24 artisti in pista. Da ricordare anche la Santa Messa in pista che sarà recitata in diverse lingue e vedrà l’animazione dei padri salesiani e l’esibizione dell’artista più piccino del festival.

Grandi nomi nella giuria tecnica e nella giuria critica

Come sempre i nomi dei giurati che valuteranno gli artisti sono di grandi personaggi del mondo del Circo internazionale, da Urs Pilt del Circo di Montecarlo a Pavel Kotov de Cirque du Soleil, solo per citarne un paio. Personaggi di successo anche nella giuria critica da Giancarlo Magalli a Manuela Arcuri, da Brigitta Boccoli a Lele Mora e diversi altri, oltre a giornalisti della stampa specializzata e locale.

Dunque un programma fitto per questo Festival che da ben 23 edizione propone uno spettacolo di alto livello realizzato con grande professionalità ormai unanimemente riconosciuta, che anche quest’anno sarà presentato dall’ormai veterano Andrea Giachi e dalla confermata presenza dell’affascinante e capace Alessia Dell’Acqua.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival internazionale del Circo – Città di Latina: presentata la 23° edizione

LatinaToday è in caricamento