A Gaeta torna il “Festival dei Giovani”, la manifestazione dedicata ai ragazzi

Quinta edizione per la rassegna organizzata da Noisiamofuturo, promossa insieme a Luiss e Comune; main partner Intesa Sanpaolo. L’appuntamento dall’1 al 3 aprile

Una foto delle precedenti edizioni

E’ diventato ormai un appuntamento fisso per Gaeta quello del Festival dei Giovani che quest’anno arriva alla sua quinta edizione. L’iniziativa unica in Italia, dedicata al mondo degli adolescenti, è ideata ed organizzata da Noisiamofuturo con promotori il Comune di Gaeta, l’Università Luiss Guido Carli e main partner Intesa Sanpaolo. Dopo il successo delle precedenti edizioni, che hanno richiamato dal 2016 ad oggi oltre 80mila studenti, il Festival dei Giovani ripropone fedele la formula che mette al centro dell’attenzione i giovani, ma con nuove forme di coinvolgimento dei ragazzi di tutt’Italia attivati in questi mesi con percorsi di formazione, contest ed azioni di cittadinanza attiva da parte di Noisiamofuturo. L’edizione 2020, che si terrà dall’1 al 3 aprile, è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta oggi, martedì 4 febbraio in Comune a Gaeta; sono intervenuti: Fulvia Guazzone, Ceo & Founder di Noisiamofuturo e ideatrice dell’evento, Nicola Parascandolo dell’Università Luiss Guido Carli, Cosmo Mitrano, Sindaco di Gaeta.

“Gaeta si appresta ad ospitare con rinnovato entusiasmo un grande evento nel corso del quale i giovani sono i veri protagonisti – ha commentato il sindaco Cosmo Mitrano –. In questi anni la nostra azione politico-amministrativa è stata finalizzata proprio a porre particolare attenzione alle esigenze dei più giovani, nell'ambito scolastico e non solo, con azioni concrete cercando sempre di infondere in loro la fiducia nei propri talenti. Siamo infatti fortemente convinti che le nuove generazioni avvertono meglio di noi adulti quei cambiamenti socio-culturali attraverso la capacità di cogliere le sfumature di un mondo in mutevole evoluzione. Il Festival dei Giovani quindi vede Gaeta al centro di un confronto nazionale importante dove si incontreranno migliaia di studenti provenienti da ogni parte d’Italia". Grazie a questa manifestazione, prosegue il primo cittadino, “i partecipanti potranno conoscere ed apprezzare ulteriormente le bellezze storico, culturali, artistiche e paesaggistiche custodite nella nostra città. Pertanto rinnovo agli studenti che verranno a Gaeta e soprattutto ai nostri ragazzi che avranno il piacere di accogliere i loro coetanei presenti in città quei giorni, l'augurio di vivere intensamente questa importante opportunità di confronto e crescita culturale. Dicendo loro ‘Noi crediamo in voi, voi siete il nostro futuro’”.

Le centinaia di iniziative che animeranno il Festival saranno ospitate in spazi messi a disposizione dal Comune, dalle scuole e dai partner della rassegna e avranno il loro cuore pulsante nel Village allestito nelle piazze XIX Maggio e Monsignor di Liegro. Qui si terranno eventi ed incontri, attività di animazione ed intrattenimento, laboratori di orientamento al lavoro, scrittura creativa, sessioni di coaching, giochi ed interazione tra ragazzi e formatori, concerti. “L’obiettivo è di valorizzare i giovani nel loro desiderio di imparare, sperimentare, indirizzare al cambiamento il mondo in cui agiranno da adulti - ha dichiarato Fulvia Guazzone, che ha creato e dirige Noisiamofuturo e il Festival dei Giovani -. Sono i primi a chiedere per sé luoghi di ritrovo e confronto, di scambio e di formazione dinamica ed interattiva. Al Festival dei Giovani possono esprimere liberamente le proprie idee ed aspirazioni, senza sentirsi sotto esame, confrontandosi ed interagendo con coetanei di diverse provenienze territoriali ed anche sociali. Questi giovani sono una massa fluida che si espande pacificamente ed armoniosamente quando non trova muri: noi adulti possiamo e dobbiamo assecondarli e sostenerli con una formazione adeguata, ma anche con una buona dose di passione e fiducia nei loro confronti”.

Il Festival dei Giovani

Il Festival dei Giovani. è stato spiegato, è “nato come Festival dell’ascolto e della valorizzazione delle idee e dei talenti dei ragazzi” e su queste basi è stato un grande un successo, tanto che oggi è sostenuto da una community, quella di Noisiamofuturo, composta da decine di migliaia di ragazzi che condividono, anche attraverso l’omonimo Social Journal, idee, talenti, curiosità con voglia di confronto e di crescita”. Il tema centrale del Festival quest’anno sarà l’ambiente ed il rapporto uomo natura. Sarà presentato in esclusiva un sondaggio realizzato da Noisiamofuturo sul rapporto giovani e ambiente e anche l’area food quest’anno ospiterà un focus sull’alimentazione sostenibile.

festival_giovani_2020_gaeta-2

Tre giorni dedicati ai giovani

Per confrontarsi, esprimere idee, avanzare proposte, i ragazzi avranno a disposizione tre giorni di: workshop, progetti, dibattiti, concerti, giochi, seminari e lezioni con le testimonianze di startupper ed imprenditori, ricercatori, giornalisti e comunicatori, docenti universitari e sportivi, rappresentanti di organizzazioni umanitarie. Ci si confronterà su temi di attualità: Europa, ambiente e sviluppo sostenibile, legalità, food, autoimprenditorialità e nuove professioni, ma anche inclusione, multiculturalità, pari opportunità di genere. Nel Village del Festival, Noisiamofuturo creerà una vera e propria palestra delle soft skills, sempre più importanti per lo sviluppo della personalità dei ragazzi e molto valutate dalle aziende nella selezione dei professionisti, dove allenare attitudini trasversali con la digital detox room, la scuola di dibattito, sessioni di coaching e laboratori di public speaking, laboratori di giornalismo per imparare ad informarsi e diffondere notizie in modo consapevole con momenti di gioco a caccia di fake news, workshop su personal branding ed uso dei social. In quest’ambito Coca Cola HBC ed Umana, coinvolgeranno i ragazzi in incontri per orientarsi e mettersi alla prova nel mondo del lavoro, con la conoscenza delle professionalità più richieste e sulle skills più ricercate dalle aziende e sul modo più efficace di presentarle nell’ambito di curriculum e colloquio di lavoro. Cosi Naba, Nuova accademia delle Belle Arti, per quanto riguarda il settore di riferimento.

Tante le riconferme, tra le quali MyOS “Make your Own Series” progetto nell’ambito del quale migliaia di studenti si sono cimentati nella scrittura di soggetti e storie per serie Tv che prendono spunto dalla loro quotidianità e dal loro mondo di adolescenti. Durante il Festival i ragazzi, in gruppi di lavoro, potranno sviluppare la loro idea affiancati da sceneggiatori professionisti, oltre a partecipare al grande evento di premiazione dei migliori lavori realizzati. Ci sarà anche l’occasione per gli Istituti scolastici di far conoscere le proprie best practices, durante le sessioni-gara “Talent School”, un viaggio che Noisiamofuturo sta facendo alla scoperta delle eccellenze scolastiche italiane e che approda al Festival con i migliori progetti da ogni parte d’Italia. Al Festival dei Giovani ci sarà spazio per cultura d’impresa, autoimprenditorialità e nuove professioni. 

Le novità

Tra le grandi novità l’allestimento di uno spazio Summer School Luiss, che offrirà ogni giorno agli studenti presenti la possibilità di partecipare ad eventi e lezioni interattive della più prestigiosa Summer School italiana di orientamento alle scelte universitarie ed alle professioni del futuro. “Con migliaia di ragazze e ragazzi da tutta Italia, Gaeta è una piazza importante e una occasione per la Luiss di svolgere il proprio ruolo di connettore tra la scuola e il mondo del lavoro, indirizzando gli studenti verso percorsi di alta formazione. Al Festival dei Giovani portiamo lezioni di orientamento all’Università per aiutare gli studenti delle Scuole Superiori a individuare un percorso accademico che rispecchi le proprie attitudini e passioni, con uno sguardo costante all’evoluzione del mercato del lavoro e allo sviluppo di nuove competenze e nuovi profili allenati ad apprendere e sperimentare, e capaci di innovare” ha dichiarato il direttore generale della Luiss, Giovanni Lo Storto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

  • Coronavirus Latina, i contagi continuano a salire: altri 139 casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus, nel Lazio sfiorati i 2mila casi giornalieri, 25mila i tamponi. Aumentano i guariti

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento