rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cultura

Mi richiama talvolta la tua voce: la mostra che ricorda Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

Una mostra a Roma che ricorda i giornalisti uccisi a Mogadiscio, protagonista anche la pontina Alessandra Chicarella, allestimento di Fabio D’Achille

L’arte di Latina arriva a Roma, presso la sede della Fondazione sul giornalismo "Paolo Murialdi" per celebrare il 28° anniversario della morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, giornalista e operatore del Tg3 uccisi a Mogadiscio nel 1994.

In un periodo come questo, in cui tanti giornalisti hanno perso la vita in Ucraina durante gli attacchi e rappresaglie russe, è ancora più importante celebrare due professionisti che furono uccisi in circostanze che ancora oggi non sono state chiarite mentre indagavano sul traffico di armi e rifiuti tossici di Paesi industrializzati in Somalia, nel quale si intravedeva una possibile complicità tra gli altri dei servizi segreti italiani e altre istituzioni. Come ha affermato Daniele Macheda, giornalista RAI e segretario di USIGRAI, Ilaria e Miran sono andati a "vedere, ascoltare e capire da vicino quello che stava accadendo ... e hanno pagato un prezzo altissimo".

Queste celebrazioni, sotto il grido del #NoiNonAchiviamo, vogliono dunque ricordare non solo il tragico evento di quel 20 marzo 1994 e l'ammissione pubblica e giuridica della verità sulle dinamiche e il movente del duplice omicio, ma anche sottolineare l'importanza delle inchieste giornalistiche che spesso hanno scoperchiato gravi storture, crimini e connivenze varie, raccontando, anche a costo della vita, i bombardamenti, le odissee dei sopravvissuti, l'orrore della guerra.

In occasione della commemorazione di Ilaria Alpi e di Miran Hrovatin, tra le varie iniziative si terrà nella sede della Fondazione la mostra "Mi richiama talvolta la tua voce", a cura di Ludovico Pratesi, allestimento a cura di Fabio D'Achille (direttore del MadXI Museo Contemporaneo di Tor Tre Ponti e fondatore di MAD Museo d'Arte Diffusa che opera principalmente a Latina e provincia), contenente le immagini di Paola Gennari Santori dedicate alla giornalista, i bozzetti del murales della street artist pontina Alessandra Chicarella che in piazza Ilaria Alpi a Latina ricorda i due reporter.

In esposizione inoltre la telecamera utilizzata da Miran Hrovatin in quell'ultimo viaggio a Mogadiscio e alcuni effetti personali di Ilaria Alpi, tra cui dei documenti relativi alle sue inchieste giornalistiche, i suoi studi - era una grande conoscitrice del mondo arabo, dagli appunti per la sua tesi si possono apprendere importanti notizie sulla primavera algerina, sull'Egitto di Mubarak - che la Fondazione ha ottenuto a seguito della recente acquisizione dell'archivio della Giornalista, che dal 21 marzo sarà disponibile on line.

La mostra, inaugurata sabato 19 marzo, sarà aperta al pubblico fino al 30 aprile, è ospitata a Roma in via Augusto Valenziani, 10/12 presso la Fondazione sul giornalismo "Paolo Murialdi".

Nella giornata di domenica 20 marzo sarà inaugurata la Panchina della Memoria dedicata a Ilaria Alpi e Miran Hrovatin a Saxa Rubra davanti alla palazzina del Tg3, saranno presenti alcuni studenti del Liceo Classico Dante Alighieri di Latina che leggeranno dei temi dedicati alla memoria dei due giornalisti uccisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mi richiama talvolta la tua voce: la mostra che ricorda Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

LatinaToday è in caricamento