menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fonte foto Ansa

Fonte foto Ansa

Tana Libera Tutti: Walter Veltroni presenta il libro sulla vita di Sami Modiano

Sopravvivere all’inferno di Auschwitz e raccontare gli orrori vissuti affinché le nuove generazioni non dimentichino e ripetano gli stessi errori: l’incontro con Veltroni sulla pagina facebook del Comune di Latina

Raccontare ai ragazzi l’orrore della Shoah è una cosa difficile quanto fondamentale, far conoscere alle nuove generazioni, quelle che fortunatamente non hanno visto con i loro occhi cosa è stato, è di importanza vitale. Perpetuare il ricordo di fatti osceni e terrificanti per i quali intere famiglie, donne, uomini, anziani, bambini sono stati sterminati a sangue freddo, tra atroci sofferenze, sfruttati, affamati, vilipesi, ritenuti meno di niente e odiati per la religione professata.
La testimonianza di quel che è stato è un atto doveroso verso le vittime e verso le nuove generazioni stesse ed è per questo che Walter Veltroni ha raccolto i ricordi, le immagini che affiorano dal passato di Sami (Samuel) Modiano nel libro per ragazzi “Tana Libera Tutti. Sami Modiano il bambino che tornò da Auschwitz”.

Un libricino di 160 pagine, edito da Feltrinelli ed illustrato da Giovanni Scarduelli, che racconta in maniera semplice ma non edulcorata la storia di Sami Modiano espulso da scuola a soli 8 anni perché ebreo e deportato nel campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau dove ha patito le pene dell’inferno, ha visto morire il padre e la sorella, e dal quale si è salvato miracolosamente perché creduto morto dai nazisti.

È solo nel 2005 che Sami Modiano trova il coraggio di tornare ad Auschwitz e lo fa accompagnando degli studenti e l’allora sindaco di Roma Walter Veltroni in visita al campo di concentramento dove era stato rinchiuso. L’incontro con quei ragazzi, la loro reazione in quei luoghi dell’orrore gli ha permesso di capire ciò che doveva fare: “Sono stato l’unico della mia famiglia a sopravvivere e per anni mi sono chiesto: ‘Perché?’. L’ho capito solo quando ho deciso di raccontare: sono sopravvissuto per testimoniare”. Da allora la sua vocazione è stata condividere la sua esperienza, il male visto e subito, testimoniare per impedire che un qualcosa di così indicibilmente mostruoso possa ripetersi.

E così nel 2018 arriva al grande pubblico il docufilm Tutto davanti a questi occhi di Walter Veltroni con il quale ha stretto una profonda amicizia e in questi giorni il libro “Tana Libera Tutti” rivolto al pubblico più giovane. “Mi metto a giocare a nascondino. Il gioco più pericoloso. I nazisti mi cercano, io sfuggo e con un balzo arrivo a un albero, batto la mano sul tronco, grido la frase magica, si aprono i cancelli e tutti possono tornare a casa. ‘Tana libera tutti!’ Sarebbe meraviglioso. Ma qui siamo ad Auschwitz".

Il volume uscito in libreria il 21 gennaio è uscito contemporaneamente in edicola in allegato del Sole 24 ore: un’operazione editoriale senza precedenti che dimostra come trattare un tema come quello dell’Olocausto, da alcuni folli oggi addirittura negato, sia fondamentale e necessario, come sia importante la massima diffusione soprattutto tra le nuove generazioni.

Ed è in quest’ottica e all’interno delle iniziative del Comune di Latina per celebrare la Giornata della Memoria che si terrà l’incontro con Walter Veltroni in diretta facebook alle ore 19.00 sulla pagina ufficiale del Comune mercoledì 27 gennaio.

Un incontro che non è solo di interesse culturale ma anche pedagogico a cui parteciperanno oltre all’autore, il sindaco Damiano Coletta per i saluti istituzionali, lo storico della Shoah Marcello Pezzetti, l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Latina Gianmarco Proietti, a moderare l’incontro l’Assessore alla Politiche Culturali Silvio Di Francia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento