Un successo la visita integrata al Giardino di Ninfa e a Cori

L'evento domenica scorsa, 18 ottobre, nell’ambito delle aperture straordinarie dell’Oasi in collaborazione con i Comuni del territorio

Una visita integrata, domenica 18 ottobre, al Giardino di Ninfa e a Cori. Protagonista è stata anche anche la città d'arte lepina, in una giornata che ha interessato numerosi visitatori, tutto secondo le regole anti covid e con presenze contingentate.

visite ninfa cori-2

Con una piccola integrazione al contributo di ingresso al Giardino di Ninfa, è stato possibile visitare il tempio di Ercole, il complesso monumentale di Sant'Oliva, la cappella della Santissima Annunziata e il Museo della Città e del Territorio, in cui è ospitata la mostra Piranesi a Cori che il Comune ha organizzato in collaborazione con l'Istituto Centrale per la Grafica in occasione dei trecento anni dalla nascita di Giovambattista Piranesi. I visitatori hanno potuto apprezzare la qualità e la cura dell’allestimento e hanno scoperto, magari per la prima volta, la bellezza e il fascino della struttura museale corese.

L’iniziativa, che coinvolge Cori per la seconda volta, rientra nella volontà di promozione del territorio da parte dell’amministrazione comunale e nell’intento di collegare con continuità la visita al Giardino di Ninfa alle iniziative di rilievo che abbiano luogo a Cori nell’ottica di un distretto turistico che coinvolga i centri del circondario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento