"UndiciMetri. Storie di Rigore": il libro di Cristian Vitali e Maurizio Targa

Tornano in libreria gli scrittori pontini con un compendio di sessanta racconti dedicato alla massima punizione calcistica: il calcio di rigore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Tutti conosciamo il classico calcio di rigore, ma quanti di noi ne saprebbero citare le origini? Quanti ancora conoscono chi sia stato il calciatore più prolifico dal dischetto, o chi invece ha sbagliato a ripetizione? Chi è al corrente dei retroscena di Roma-Liverpool, prima finale di Coppa Campioni risolta ai rigori, del penalty nel sangue dell'Heysel, o di uno sconosciuto portiere rumeno che para quattro rigori e vince una Coppa da solo, ma a cui vengono fatte spezzare le mani? Questo e molto altro troverete nel libro in uscita in libreria e negli store online "UndiciMetri. Storie di Rigore", a firma degli scrittori pontini Cristian Vitali e Maurizio Targa.

Un’opera scritta a quattro mani, un succulento compendio di storia della massima punizione calcistica. Così recita la sinossi inserita in quarta di copertina: "Dallo sconosciuto ma infallibile Giampiero Testa al trionfo di Berlino, passando per i tragici tiri mondiali di Baresi, Baggio e Di Biagio, il cucchiaio di Totti, la 'buca' di Maspero, i sempreverdi Zico, Platini, Falcao e Gullit, gli errori macroscopici di gente come Caraballo e Luis Toffoli: sessanta racconti carichi di passione, incentrati sui più svariati tentativi di realizzazione dal dischetto. Storie, liti, drammi, atmosfere e leggende raccontate da un punto di osservazione molto particolare: quei fatidici e interminabili UndiciMetri".

Per entrambi gli autori si tratta di un ritorno alle pubblicazioni dopo diversi anni: Cristian Vitali, dopo "Calciobidoni. Non comprate quello straniero", suo libro d’esordio, ha partecipato alla realizzazione dei volumi "Campioni e Bidoni. Aneddoti, vicende e retroscena inediti degli stranieri che hanno fatto la storia del Pisa" (2011) e "Baraonda Latina. Le 4 stagioni del Latina Calcio in Serie B" (2017), di Gian Luca Campagna e Federico Ginanneschi, cui ha collaborato anche lo stesso Maurizio Targa, già editorialista sportivo del settimanale pontino "Il Caffè"; dopo "Cette Italie qui m'en chante" (2005), "L’importante è proibire" (2011), "Ciao amici ciao" (2013) e le collaborazioni con Tg2 Dossier della RAI, questa rappresenta la sua quarta fatica editoriale.

Il giornalista e scrittore Darwin Pastorin (ex Direttore di Tuttosport e di La7 Sport) ha curato la Prefazione del volume, definendolo: "Una lunga, infinita collana di gioie e dolori, di errori madornali o di parate strepitose, di coppe e mondiali vinti o sfumati in quell’istante che tutto, nel bene e nel male, avvolge o stravolge. Un libro, decisamente, indispensabile per gli appassionati del pallone". Prossimamente gli autori presenteranno il volume in varie sedi, tra cui a Pontinia, Sabaudia, Latina e Roma.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento