A Terracina Teresa Campi presenta il romanzo “D’amore e Morte. Byron, Shelley e Keats a Roma”

Venerdì 28 Ottobre alle ore 17,00, presso l'Albergo Neapolis a Terracina, si terrà la presentazione del romanzo "D'Amore e Morte. Byron, Shelley e Keats a Roma" (Albeggi Edizioni) di Teresa Campi, con la prefazione della Prof.sa Benedetta Bini (Università della Tuscia).

Accompagnata dalle letture di Catia Mosa e dagli interventi di Elvira Bianchi e Anna Carroccia, l'autrice condurrà il pubblico nella Roma d'inizio Ottocento: sullo sfondo di strade, locande, studi di artisti e salotti mondani s'intrecciano le vite, l'arte e le sorti dei tre celebri poeti romantici inglesi Lord George Gordon Byron, Percy Bysshe Shelley e John Keats. Intorno a loro la bellezza e le miserie di una Roma meta agognata di artisti, antiquari truffaldini e vagabondi, sublime e desolata, cosmopolita e provinciale, con i suoi ruderi, le sue feste popolari, le sue credenze.

Il soggiorno a Roma offre ai tre poeti, malfamati, diseredati e semisconosciuti (fatta eccezione per Lord Byron verso cui il mondo romano nutre una spasmodica curiosità), visioni, suggestioni e pensieri metafisici. Un viaggio tra le atmosfere del tempo, tra gli odori acri, nauseabondi, misti ai profumi selvatici della natura che ancora invadeva la città, e tra le pieghe più intime delle vite trasgressive, stravaganti e drammatiche dei tre poeti.

L'autrice: Teresa Campi, laurea in Lingue e letterature straniere a La Sapienza (1974) e Master in Educazione alla Pace, Cooperazione Internazionale, Diritti Umani e Politiche dell'Unione Europea presso l'Università Roma Tre, è stata insegnante, consulente, formatrice e giornalista. Ha pubblicato: Il Canzoniere di Isabella Morra (Bibliofilo, 1980); Sul ritmo saffico, uno studio sul verso alessandrino (Bulzoni, 1983); Le ore casalinghe (Il Bagatto, 1982); Il Sangue e l'oblio (Il Girasole, 1996); Le cucine desolate (Manni, 1999); Storia elementare (Manni, 2006). Ha curato: Cenere e Polvere, poesie di Renée Vivien (Savelli, I981); Dina la bella ebrea, di Pétrus Borel (Lucarini, 1983); Donna m'apparve, di Renée Vivien (Lucarini, 1984); Morire in Italia, carteggio di Percy B. Shelley (Archinto, 1986). La copertina è ispirata al quadro di Sergio Ceccotti "Il sogno".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Naturalmente Bambini a Sezze

    • Gratis
    • dal 22 al 30 settembre 2020
    • Centro storico

I più visti

  • I Borghi al Centro: tanti appuntamenti alla scoperta del territorio pontino

    • dal 16 settembre al 11 ottobre 2020
    • Centro cittadino e Borghi
  • Giardini in Comune: la rassegna estiva di Latina

    • Gratis
    • 30 settembre 2020
    • Giardini del Palazzo del Comune
  • Ad Aprilia la Festa in onore di San Michele

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 26 al 29 settembre 2020
    • Centro cittadino
  • Tutto pronto per la seconda edizione del Formia Wind for Fun

    • dal 9 al 11 ottobre 2020
    • Spiaggia di Vindicio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LatinaToday è in caricamento