Martedì, 19 Ottobre 2021
energia

Ora della Terra: luci spente ai monumenti di Terracina, Bassiano, Fondi e Sezze

L'adesione alla più grande mobilitazione globale per fermare il cambiamento climatico organizzata dal Wwf per sabato 28 marzo. Dalle 20.30 luci spente per un ora. Partecipano imprese, cittadini e istituzioni

Non poteva mancare anche quest’anno “Earth Hour - L’ora della Terra”, la più grande mobilitazione globale organizzata dal Wwf per fermare il cambiamento climatico.

L’appuntamento con lo slogan "Change Climate Change” è per sabato 28 marzo per un’edizione, quella del 2015, che cade proprio nell’anno  n cui si deve chiudere il negoziato dell’ONU per un accordo globale, a Parigi in dicembre nella COP21.

“Il cambiamento climatico è la più grande minaccia alla sopravvivenza del Pianeta e della vita come la conosciamo ed Earth Hour sarà un evento catalizzatore per far compiere progressi sul clima in oltre 120 paesi”, così gli organizzatori presentano l’edizione di quest’anno della mobilitazione mondiale nata nel 2007 a Sidney e che lo scorso anno ha coinvolto milioni di cittadini, istituzioni e imprese.

A LATINA E NEL LAZIO - Molte le iniziative che sono in programma anche nella provincia di Latina, così come nel resto del Lazio e in tutto il Paese.
A partire dalle 20.30 e fino alle 21.30 nel territorio pontino a si spegneranno a Terracina (Monumento Naturale Tempio di Giove Anxur) così come altri monumenti a Bassiano e Sezze. A Roma alla stessa ora si spegneranno le luci di Colosseo, Campidoglio, Quirinale, Palazzo Chigi, palazzo della Marina militare in Lungotevere delle Navi, Basilica di San Pietro, Moschea e Sinagoga. Nella centralissima Via Urbana, poi, numerosi esercenti hanno aderito all’iniziativa e con lo spegnimento delle luci passeranno per un’ora alla calda atmosfera della luce delle candele.

In tutto il Lazio poi diversi comuni hanno già inviato la loro adesione all’iniziativa: Oriolo Romano (Viale delle Olmate), Fiumicino (sul Lungocanale, Via di Torre Clementina, davanti alla chiesa di Santa Maria di Porto della Salute) oltre all’Oasi WWF di Macchiagrande. E ancora Roviano (Torre del castello medioevale) e Pomezia (Torre Civica comunale), altri ancora stanno deliberando in questi giorni la loro decisione, individuando i siti nei quali spegnere le luci.

Finora sono oltre 200 gli spegnimenti previsti in Italia e per trascorrere l’Ora di Buio verranno organizzate cene al lume di candela, spettacoli di danza in piazza, attività con bambini. Nella mappa - https://www.oradellaterra.org/mappa-eventi/ - compaiono monumenti e chiese, palazzi storici, torri medioevali, fontane e ponti

MANO AGLI SMARTPHONE: EARTH HOUR DIVENTA UNA ‘PHOTO ACTION’ - "Partecipare a Earth Hour quest’anno è ancora più Social - spiegano gli organizzatori -: si potranno condividere con tutti i propri contatti su Facebook, Twitter e Instagram le più belle foto dello spegnimento della propria città (o dell’evento che ciascuno vorrà organizzare a casa propria o con amici). Sui social usando l'hashtag #unoralbuio e #EarthHour ognuno diventerà parte attiva dell'evento mondiale organizzato dal WWF per dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico. Le foto più significative saranno condivise dagli account ufficiali di WWF Italia durante il corso della mobilitazione ed entreranno così nel ‘book digitale’ globale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ora della Terra: luci spente ai monumenti di Terracina, Bassiano, Fondi e Sezze

LatinaToday è in caricamento