Mercoledì, 20 Ottobre 2021
life

Sud pontino e isole, turismo punta sul patrimonio storico-culturale

Il turismo, sulla spinta del neonato Distratto del "Golfo di Gaeta e Isole Ponziane", cambia volto e diventa comprensoriale. Il primo passo è la diffusione del patrimonio storico e culturale

Il Distretto "Golfo di Gaeta e Isole Ponziane", nella sua attività comprensoriale, rivolge la sua attenzione sul patrimonio storico e culturale.

Il neonato Distretto Turistico e Balneare punta alla realizzazione di una concreta politica comprensoriale tra i Comuni partendo proprio dai siti storici, monumenti e grandi eventi in un'unica rete di marketing territoriale. 

La parola d'ordine, quindi, è valorizzare l'offerta turistica complessiva dei territori della vasta area, non solo con attività di promozione, ma attraverso un'attenta operazione di pianificazione e programmazione strategica, finalizzata allo sviluppo dell'intero comprensorio. Ed è quanto è stato stabilito nell’ultimo incontro che si è tenuto tra gli amministratori del Distretto lo scorso 9 settembre per valutare proposte e definire  azioni che consentano di mettere in rete il patrimonio storico - culturale del vasto bacino distrettuale.

"I Comuni dell'area coinvolta nel  Distretto stanno vivendo un momento storico: per la prima volta in tema di politica comprensoriale, nel Basso Lazio alle parole seguono i fatti – commenta il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano -. Non solo idee e tavoli di discussione, ma finalmente azioni mirate, vagliate, concertate e concordate dai Comuni, al fine di rilanciare sul piano nazionale ed internazionale un territorio dalle notevoli potenzialità turistiche e balneari. Ciò che sembrava utopico nel passato, oggi diventa possibile, grazie alla disponibilità delle attuali amministrazioni cittadine a collaborare, al di là dei diversi orientamenti politici, per la crescita del territorio ed il benessere delle popolazioni. La strada intrapresa di una governance comprensoriale è quella giusta: le diverse peculiarità dei nostri territori e delle nostre comunità rappresentano una vera e propria ricchezza, metterle insieme costruendo un tessuto sinergico in cui tutte le realtà si incastrano ed interagiscono, come le tessere di un puzzle, sarà la nostra forza.".

Due le iniziative che hanno ottenuto il via libera del tavolo distrettuale, svoltosi nell'Aula Consiliare del Palazzo Comunale di Gaeta:

1.    creazione di una brochure, cartacea e telematica, di presentazione dei grandi eventi, tradizionali e nuovi, promossi dai singoli Comuni del Distretto. Per la prima volta le più importanti manifestazioni del Golfo e delle Isole Ponziane, saranno organizzati secondo un calendario comprensoriale, evitando sovrapposizioni di date ed integrando la diverse manifestazioni in un ampio sistema territoriale.
2.    realizzazione di una Card comprensoriale che favorisca lo sviluppo dei servizi all’accoglienza e all’ospitalità: essa funzionerebbe come una sorta  di passepartout del patrimonio culturale e artistico messo in rete dai vari enti locali. con questa iniziativa i più importanti siti storici, museali, monumentali del Distretto, secondo le indicazioni fornite dagli stessi amministratori, vengono inseriti in percorsi turistico - culturali, di varia tipologia (da quello rivolto all'Antica Roma, a quello medievale, religioso ecc.), da proporre ai visitatori del Golfo di Gaeta e delle Isole Ponziane a prezzi promozionali.

Un secondo passaggio previsto dal Tavolo Distrettuale riguarda il coinvolgimento di tour operator ed albergatori del Golfo ed Isole Ponziane, sia per la predisposizione di pacchetti turistici per il soggiorno nelle città del Distretto a prezzi convenzionati, sia per il lancio e la diffusione  delle iniziative comprensoriali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sud pontino e isole, turismo punta sul patrimonio storico-culturale

LatinaToday è in caricamento