Ventotene e Santo Stefano diventano isole “plastic free”: l’ordinanza del sindaco

Previste una serie di prescrizioni in vigore dal 15 giugno che interessano commercianti, attività e singoli cittadini

Ventotene e Santo Stefano isole “plastic free”. E’ stata pubblicata nei giorni scorsi dal primo cittadino Gerardo Santomauro l’ordinanza sindacale per ridurre l’abbandono e la dispersione di rifiuti in plastica e compiere un importante passo per la salvaguardia dell’ambiente.

“Al fine di far sì che lo smaltimento costituisca la fase residuale della gestione dei rifiuti e sulla base della necessità di ridurre la produzione di rifiuti, delle emissioni inquinanti e dei rischi ambientali” si legge nel documento, sono previste alcune prescrizioni che sono in vigore dal 15 giugno:

- gli esercenti, anche in forma itinerante, attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e/o bevande non potranno distribuire ai clienti sacchetti da asporto monouso in materiale non biodegradabile e/ o compostabile;
- i titolari di attività di ristorazione (quali bar, ristoranti, pizzerie, pub, stabilimenti balneari e attività similari), aventi, in generale, quali finalità la somministrazione di alimenti e bevande, anche in forma itinerante, e i titolari di attività alberghiere (inclusi bed & breakfast, case vacanze e campeggi) potranno distribuire esclusivamente piatti, bicchieri, posate, cannucce, mescolatori di bevande monouso e bottiglie in materiale biodegradabile e/ o compostabile;
- gli esercizi per i generi alimentari (quali supermercati, botteghe, salumerie ed ogni altro esercizio o centro di vendita di alimenti) anche in forma itinerante, non potranno vendere materiale monouso in plastica ed ogni altro materiale non biodegradabile, quali piatti, bicchieri, posate, cannucce, cotton fioc non biodegradabili, mescolatori di bevande a partire. Sempre a partire dal 15 giugno sarà, inoltre, consentita la vendita nei propri banchi esclusivamente di stoviglie, contenitori ed imballaggi biodegradabili e/o compostabili;
- i commercianti, i privati, le associazioni e gli enti in occasione di feste pubbliche, sagre, manifestazioni potranno distribuire esclusivamente posate, bicchieri, piatti, bottiglie e sacchetti da asporto in materiale biodegradabile e/ o compostabile;
- i cittadini residenti, a decorrere dalla data di entrata in vigore dell’ordinanza, si dovranno dotare ed utilizzare sacchetti per la spesa in carta o in altro materiale biodegradabile e/o compostabile, ovvero borse riutilizzabili in stoffa o tessuto e non potranno utilizzare bottiglie, bicchieri, posate, cannucce, cotton fioc non biodegradabili, mescolatori di bevande. Eventuali scorte dovranno essere smaltite attraverso l'apposito contenitore della raccolta differenziata;
- coloro che, a decorrere dalla data di entrata  in vigore dell’ordinanza, acquisteranno in esercizi commerciali, artigianali e di somministrazione di bevande e/ o alimenti ubicati nel territorio comunale hanno l'obbligo di utilizzare, per l'asporto dei prodotti acquistati, esclusivamente sacchetti in carta o altro materiale biodegradabile e compostabile, ovvero borse riutilizzabili in stoffa o tessuto.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento