Martedì, 21 Settembre 2021
Famiglia

Adozioni, pratiche e procedure: tutte le informazioni utili

Qui di seguito vi vengono fornite tutte una serie di indicazioni circa chi può presentare la domanda, quali documenti presentare e i tempi che bisogna attendere

I cittadini residenti nel territorio della provincia di Latina che intendano dichiarare la propria disponibilità ad adottare un minore in stato di abbandono devono mettersi in contatto con la sede del Gil Adozioni di Latina.

L’equipe del Gruppo Integrato di Lavoro che si occupa di Adozioni ha attivato il numero telefonico dello Sportello informativo su Adozione Nazionale ed Internazionale. Gli interessati a ricevere informazioni sulla procedure, le attività e sulle disposizioni normative, in materia di adozione, possono telefonare tutti i giorni dalle ore 9 alle 12 al 0773 6553055

CHI PUÒ FARE DOMANDA - Le richieste di adozione possono essere fatte da coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni o persone che abbiano convissuto in modo stabile e continuativo per almeno tre anni.

DOCUMENTI DA PRESENTARE - I documenti da presentare in tribunale al momento della richiesta sono i seguenti:

-    certificato di nascita;
-    certificato di residenza;
-    stato di famiglia;
-    certificazione dei redditi percepiti o autodichiarazione, unita alla dichiarazione del datore di lavoro indicante la qualifica;
-    dichiarazione di assenso all'adozione dei genitori di ciascuno dei richiedenti, o dichiarazione che i genitori sono a conoscenza della presentazione della domanda di adozione, oppure certificato di morte se i genitori sono deceduti;
-    certificato di matrimonio o dichiarazione di convivenza ;

Tutti i documenti devono essere presentati da entrambi i coniugi, in carta semplice ed in originale. Se vengono presentate entrambe le domande (adozione nazionale e internazionale) è necessario presentare tutta la documentazione in duplice copia, in carta semplice ed in originale.

PERCORSO PROCEDURALE DELLA DOMANDA - Dopo la presentazione della domanda al Tribunale dei Minori, comincia l'iter per l'accertamento dell'idoneità attraverso colloqui con gli operatori dei Gil Adozioni competenti per territorio. Al momento della presentazione della domanda viene rilasciato un numero di protocollo che serve per avere notizie sulla/e pratica/che. In contemporanea la coppia viene contattata dal - Commissariato di zona - dal servizio di medicina legale della ASL per gli accertamenti sanitari. Tutta la documentazione sarà inoltrata in Tribunale, dove la coppia sosterrà uno o più colloqui con un giudice onorario delegato.
Da questo momento l'iter delle due pratiche (adozione nazionale ed adozione internazionale) segue strade diverse.

ADOZIONE NAZIONALE - A conclusione dei colloqui con il giudice onorario il Tribunale disporrà l'inserimento dei coniugi nell'elenco delle coppie che potranno essere convocate quando vi è un bambino in stato di abbandono. Sarà poi compito del tribunale scegliere la coppia adatta alle esigenze, alla storia di vita, alle caratteristiche psicologiche del bambino. La disponibilità all'adozione di un minore in stato di abbandono può essere presentata contestualmente in più tribunali purché se ne dia notizia agli altri. La disponibilità decade dopo tre anni dalla data di presentazione della domanda in Tribunale. È necessario rivolgersi al Tribunale, poco prima della scadenza, per chiedere informazioni su quanto è necessario fare per rinnovare la disponibilità della coppia.

ADOZIONE INTERNAZIONALE - Il Tribunale rilascia alla coppia un decreto di idoneità all'adozione internazionale. Ricevuto tale decreto la coppia ha la facoltà, entro un anno, di rivolgersi e dare il mandato ad uno degli Enti autorizzati all'adozione internazionale dalla Commissione per le Adozioni Internazionali. Quasi tutti gli Enti autorizzati organizzano degli incontri informativi per le coppie sulle procedure di adozione dei paesi in cui loro operano, sulla realtà dell'adozione internazionale e, in collaborazione con psicologi ed altri esperti, preparano la coppia al ruolo di genitore adottivo di un bambino d'origine straniera. L'Ente richiederà alla coppia tutta la documentazione necessaria per la pratica di adozione. L'Ente si occuperà della traduzione dei documenti, e illustrerà i costi di tale operazione e le ulteriori spese che la coppia dovrà sostenere.
 

I TEMPI - Entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione di disponibilità all'adozione, il Tribunale dei Minori trasmette al Gil- Adozioni, competente per territorio di residenza della coppia, richiesta di accertamenti sui coniugi. Al domicilio della coppia giunge una lettera del Tribunale indicante i servizi da contattare e l'indicazione del numero di protocollo della pratica.

- Entro 4 mesi dall'arrivo della richiesta il Gil - Adozioni deve concludere l'indagine e trasmettere una relazione al Tribunale dei Minori.

- Entro 2 mesi dall'acquisizione della relazione del Gil-Adozioni (comprensiva della diagnosi sanitaria di medicina legale e degli accertamenti del Commissariato) il giudice onorario delegato per il Tribunale, convoca la coppia per i colloqui.

In caso di domanda congiunta nazionale e internazionale, una volta effetuata una proposta di abbinamento dall'Ente per le adozioni internazionali, scade la richiesta di adozione nazionale

Il Gil-Adozioni seguirà la coppia ed il bambino durante il periodo di affidamento preadottivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adozioni, pratiche e procedure: tutte le informazioni utili

LatinaToday è in caricamento