Gaeta, la novità: ecco l’ascensore panoramico nel centro storico Sant’Erasmo

Arriva l'ok del Consiglio al progetto per l'ascensore panoramico ed un servoscala per migliorare la vita dei residenti, in particolare dei diversamente abili e degli anziani e per facilitare l'accesso turistico ad uno dei più bei quartieri d'Italia

Un ascensore panoramico ed un servoscala nel Centro Storico Sant'Erasmo a Gaeta.

Nella giornata di ieri il Consiglio comunale ha dato l’ok all’iniziativa progettuale per la realizzazione dei due impianti che hanno da un lato l’obiettivo di migliorare la vita dei residenti, in particolare dei diversamente abili e degli anziani, e dall’altro quello di facilitare l'accesso turistico ad uno dei siti  storici più suggestivi ed affascinanti di Gaeta.

“La proposta, giunta all'amministrazione dalla Società Progetto Idea srl - spiegano dal Comune di Gaeta -, consiste, dunque, nella realizzazione di due interventi per il superamento delle barriere architettoniche nel quartiere medievale, nell'ambito dell'infrastruttura viaria esistente. Nello specifico riguardano: il superamento del salto di quota attualmente soddisfatto dalla salita della Colonna a partire da via Duomo; ed il superamento della barriera che si frappone alla fruizione della chiesa del SS. Rosario che costituisce, a sua volta, la piattaforma di partenza del ramo est di salita della Colonna.

Le opere previste sul suolo comunale sono: un impianto di elevazione prospiciente il Duomo S. Erasmo, in prossimità della salita della Colonna che servirà due rami di tale salita alleviando la fatica per gli abitanti di questi vicoli, ed un servoscala di collegamento tra via Aragonese ed il sagrato della chiesa del Rosario. 
La Società Progetto Idea - proseguono dal Comune -, che sta effettuando lavori di ristrutturazione edilizia in Via Salita della Colonna, nell'intento di conseguire un miglioramento dell'accessibilità a tale area residenziale, ha avanzato l'idea di conferire valenza pubblica agli interventi proposti, assumendo a proprio carico tutti gli oneri di realizzazione, per poi trasferire gratuitamente le strutture installate al patrimonio comunale per una loro utilizzazione pubblica”.

Una soluzione accolta dall'amministrazione consapevole “dei disagi di residenti e turisti in quell'area del centro storico S. Erasmo, e pronta a dare risposte concrete e valide alle istanze dei cittadini”. Di qui la proposta di deliberazione avanzata dall'assessorato all’Urbanistica e approvata dalla maggioranza dell'assise civica, nell'ultima seduta. Dal Consiglio Comunale tali interventi sono stati ritenuti "integrabili in un più ampio programma di misure coordinate tendenti a rendere accessibile la maggior parte del centro storico”.

"Ancora una rivoluzione nella nostra città - dichiara il sindaco Cosmo Mitrano - diamo il via all'abbattimento delle ‘storiche’ barriere architettoniche che da sempre rendono difficile la quotidianità di chi vive in uno dei più bei quartieri d'Italia, e complicano anche i tour turistici di meravigliosi siti storici della nostra città. Il binomio pubblico - privato è decisamente vincente, ancora una volta si presenta come la strategia ottimale per superare gap e difficoltà che altrimenti le istituzioni pubbliche da sole, in momenti di crisi economica, non potrebbero affrontare adeguatamente. L'ascensore nel centro storico è un'ottima soluzione per un problema serio e particolarmente sentito dalla cittadinanza. E' questo il nostro modo di lavorare per  Gaeta: concreto e rispondente alle esigenze dei suoi abitanti".

Come previsto dalla delibera consiliare la fruizione degli impianti sarà gratuita per i residenti, mentre l'eventuale introito derivante dall'utilizzo da parte dei non residenti, sarà destinato alle spese di manutenzione e gestione dello stesso che sono a carico del Comune. Gravano invece sulla società Progetto Idea i costi di realizzazione ed apposizione degli impianti, così come l'installazione di un idoneo sistema di videosorveglianza delle strutture, direttamente collegato con il server centrale in dotazione del Comune.

"È una prima risposta al disagio di chi si deve confrontare quotidianamente con la propria disabilità- commenta l'assessore all’Urbanistica Pasquale De Simone -. È il primo tassello di un disegno più generale che è oggetto di riflessione amministrativa. Sottolineo che il progetto dovrà essere d'arte, nuovamente esaminato in conferenza dei servizi per superare eventuali criticità tecniche. Da un punto di vista paesaggistico si sposa in pieno con il tessuto edilizio presente non alterando gli aspetti visivi e connotativi dei luoghi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

Torna su
LatinaToday è in caricamento