Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Sanità, ok della conferenza dei sindaci al nuovo atto aziendale della Asl. Ma con una novità

La bozza del documento illustrata nelle scorse settimane. Soddisfatta la prima cittadina di Latina: “Un nuovo atto aziendale che definirei rivoluzionario”

E’ stata approvata all’unanimità dalla conferenza dei sindaci, presieduta da Matilde Celentano, la bozza del nuovo atto aziendale della Asl di Latina. Illustrata il 18 giugno scorso dal commissario straordinario dell’Azienda sanitaria locale, Sabrina Cenciarelli, contiene una novità che è stata esposta oggi.

A inizio dei lavori nell’aula consiliare del Comune di Latina, infatti, il commissario Cenciarelli ha aggiornato i presenti sul nuovo contenuto introdotto dopo la consultazione delle organizzazioni sindacali dalle quali è arrivato il suggerimento. La novità riguarda l’istituzione di un’area funzionale interdipartimentale della sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria. Si tratta di un’area di coordinamento delle unità che agiscono trasversalmente lungo la filiera agroalimentare, un’eccellenza del territorio, in tutte le fasi della produzione, della lavorazione, trasformazione, distribuzione, vendita e somministrazione degli alimenti, con approccio multidisciplinare per garantire in ogni fase la salubrità degli alimenti, contribuire alla prevenzione delle patologie nutrizionali, in linea con gli obiettivi del Piano regionale strategico.

"Realizzare nuovi ospedali"

Alla riunione erano presenti, tra sindaci e delegati in presenza e da remoto, i rappresentanti di 26 dei 33 comuni pontini. Tutti hanno espresso parere favorevole. Nel corso della seduta, i sindaci sono intervenuti per sostenere il documento ma anche per sottolineare a livello territoriale le priorità, ed è stata registrata anche l’istanza, rivolta al presidente della conferenza, di indire una nuova riunione per un aggiornamento sulla medicina territoriale e sullo stato dell’arte dei progetti finanziati dal Pnrr. Dopo la votazione della bozza dell’atto aziendale i primi cittadini hanno anche approvato, a maggioranza, un atto di indirizzo rivolto alla governance sanitaria, illustrato dai sindaci di Sperlonga, Armando Cusani, e di Campodimele, Tommaso Grossi; un documento finalizzato soprattutto a ribadire la necessità per il territorio della realizzazione dei nuovi ospedali di Latina e del sud pontino, ma anche dell’istituzione, tra i diversi indirizzi, di un’area funzionale alla luce dell’introduzione del fascicolo sanitario elettronico e della digitalizzazione dei servizi socio-sanitari.  

"Un atto rivoluzionario"

“Sono molto soddisfatta dell’esito della conferenza di oggi – ha dichiarato il sindaco Matilde Celentano a margine della seduta – I sindaci hanno condiviso la proposta della dottoressa Cenciarelli sulla base delle stesse motivazioni che mi hanno spinto, già lo scorso 18 giugno, ad esprimere un giudizio del tutto positivo sul documento. La sanità pensata per la nostra provincia, attraverso questo nuovo atto aziendale, ha un contenuto fortemente innovativo e oserei dire rivoluzionario. L’atto aziendale proposto è del tutto rispettoso dei principi e dei criteri definiti dalla Regione. E’ un piano fattibile e rappresenta una sfida per l’intero territorio, perché contiene la possibilità di rendere le nostre strutture (fisiche e organizzative) più competitive e quindi più attrattive. Gli ingredienti giusti per attrarre personale sanitario, che è quello che davvero ci manca e che speriamo di poter incrementare al più presto. L’atto aziendale del commissario Cenciarelli - ha poi concluso la prima cittadina di Latina - segue dei valori irrinunciabili, che sono: centralità della persona, titolare del diritto alla salute; equità di accesso alle cure per tutte le persone presenti nel territorio, tutelando in particolare la salute dei soggetti fragili, con vulnerabilità socio-economica, e dei migranti; valorizzazione delle risorse umane e professionali degli operatori del servizio sanitario regionale; sviluppo delle attività di ricerca e di formazione; miglioramento continuo della qualità dell’assistenza e dell’attività amministrativa”.

Inoltre, Celetano ha evidenziato come nel documento presentato dalla dottoressa Cenciarelli “si trovino elementi per un nuovo impulso della telemedicina, per l’introduzione dell’intelligenza artificiale e nuovi approcci, non ultimo quello del cosiddetto one haealth (alla lettera ‘una salute’) per affrontare le diseguaglianze e promuovere una salute globale, con la creazione di strutture deputate allo sviluppo e all’implementazione di programmi pilota integrati salute-ambiente-clima in linea con le indicazioni del Pnrr. Con questo atto – ha concluso la prima cittadina di Latina - siamo al passo con i tempi e perfettamente in linea con le nuove disposizioni della Regione Lazio, nell’ottica di una sanità più rispondente alle esigenze del territorio. Questa è la sanità a cui Latina e la sua provincia possono ambire a breve giro”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, ok della conferenza dei sindaci al nuovo atto aziendale della Asl. Ma con una novità
LatinaToday è in caricamento