Caos rifiuti, la Regione diffida la Rida Ambiente: "Riprenda subito l'attività"

L'intervento della Regione dopo il blocco dei conferimenti dei rifiuti nell'impianto di Aprilia. Problemi in diversi comuni della provincia pontina, ma anche di Roma e Viterbo

La Regione Lazio ha diffidato la Rida Ambiente per far ripartire subito l’attività di conferimento dei rifiuti nell’impianto di Aprilia. 

Una situazione difficile sul fronte rifiuti quella che si vive da ieri in diversi comuni della provincia di Latina, ma anche di Roma e Viterbo, esplosa dopo che la società ha deciso di chiudere i cancelli del sito di Aprilia. 

“Una scelta obbligata” l’ha definita il patron di Rida, Fabio Altissimi; “non siamo la causa di un problema” ha proseguito nella nota diffusa nel tardo pomeriggio di ieri in cui ha delineato il quadro della situazione eplsosa in seguito ai controlli dell’Arpa. 

E ora arriva la diffida della Regione Lazio a riprendere subito l’attività. 

“In merito alla situazione di grave inadempienza venutasi a creare a causa della decisione della società Rida Ambiente che, arbitrariamente ed in maniera del tutto ingiustificata, ha interrotto il servizio di conferimento e trattamento dei rifiuti, si precisa che, a seguito dei controlli dell'Arpa, la Regione Lazio aveva intimato l'azienda di mettersi in regola rispetto ad 1 codice Cer nella linea di produzione cdr/css - precisa la Regione in un nota -. Elementi che non incidevano assolutamente sull’operatività dell'impianto stesso per gli altri codici”.

“A fronte di ciò, invece, Rida Ambiente chiudeva improvvisamente l'impianto determinando un evidente e grave disservizio per decine di comuni delle province di Latina, Roma e Viterbo che lì conferiscono. Pertanto la Regione Lazio ha diffidato l'azienda per far riprendere la regolare attività, rispristinando così le condizioni di sicurezza pubblica ed il regolare conferimento, fermo restando le prescrizioni già evidenziate, dandone comunicazione alle competenti autorità ed amministrazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA REPLICA DI RIDA

APRILIA - Nella giornata di ieri è stato sospeso dalla Latina Ambiente il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti indifferenziati nel capoluogo pontino. Una comunicazione nella serata di ieri anche dall’Amministrazione di Aprilia: “per la chiusura temporanea dell’impianto di conferimento dell’indifferenziato”, si legge nella nota, dalla giornata di sabato 17 giugno, “la società Progetto Ambiente non potrà procedere al ritiro dei mastelli del rifiuto indifferenziato nelle zone 5 e 6 per le utenze non domestiche. Per il resto, il servizio legato alla raccolta differenziata porta a porta, e nello specifico il rifiuto organico nelle zone 1, 2, 5 e 6 e della carta nelle zone 3 e 4, sarà svolto regolarmente. Seguiranno alla presente ulteriori aggiornamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus Latina: i contagi non si fermano, 84 casi in più in provincia. Un altro decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento