rotate-mobile
In Comune

Case cantoniere all’asta, l’appello al commissario Valente: “Il Comune le acquisisca”

La missiva inviata dagli ex consiglieri comunali del Pd dopo la pubblicazione della determina della Provincia. L’appello anche di Gianluca Di Cocco (Fratelli d'Itali) e Lbc

Arriva sia dal centrodestra che dal centrosinistra l’appello al commissario straordinario del Comune di Latina, Carmine Valente, dopo che la Provincia, con un’apposita determina, ha manifestato la volontà di bandire un’asta pubblica per l’alienazione di 6 immobili di proprietà dell’Ente, tra cui anche varie case cantoniera dei borghi, come ad esempio Borgo Santa Maria

Gli ex consiglieri comunali del Pd (Leonardo Majocchi, Tommaso Malandruccolo, Daniela Fiore, Francesco Pannone, Enzo De Amicis) proprio sul tema, dopo aver letto la determina della Provincia, hanno inviato una missiva al commissario Valente. “Tali edifici, concorderà - si legge nella nota inviata al commissario Valente -, possono esser riqualificati ed utilizzati per una funzione pubblica sociale e culturale da anni attesa nelle realtà periferiche e dei borghi di Latina. Nel rispetto della normativa vigente, che contempla la possibilità di dismettere patrimonio pubblico, crediamo che verrebbe sprecata una grande occasione qualora tali immobili venissero acquisiti da privati con il metodo delle offerte segrete in aumento come disposto dalla determina”.

“Letti gli atti, e contattati gli uffici provinciali, rappresentiamo la possibilità che un Ente Pubblico – in questo caso il Comune di Latina – possa anticipare l’asta manifestando interesse all’acquisto attraverso trattativa privata tra Enti - scrivono ancora gli ex consiglieri del Pd -. Tale diritto di prelazione può essere esercitato da subito, soprattutto su edifici che l’Agenzia delle Entrate ha qualificato di ‘interesse culturale’ purché venga poi mantenuto il vincolo della funzionalità pubblica”. Di seguito l’appello al commissario, “credendo di interpretare la volontà ed il desiderio di tanti cittadini”, di “cogliere tale opportunità inviando all’Ente Provincia la missiva di manifestazione di interesse gettando le basi per l’auspicato progetto di valorizzazione di questo patrimonio di tutti: architettonico, storico, culturale, sociale”. 

E sempre al commissario Valente si è rivolto anche Gianluca Di Cocco. “Come ex consigliere comunale di Fratelli d’Italia, chiedo al commissariodi attivare tutte le procedure necessarie affinché l’amministrazione possa acquistare al proprio patrimonio la casa cantoniera di Borgo Santa Maria. Il Borgo in questione - aggiunge Di Cocco - ha visto una crescita enorme negli ultimi decenni, ma di riflesso ha avuto scarsi servizi e nessun luogo di aggregazione per la cittadinanza tutta, a differenza di molte altre zone. Siamo convinti quindi che la casa cantoniera possa essere trasformata in un centro di aggregazione, parco pubblico, con relative attrezzature, giochi e verde. Con una mozione presentata da Fratelli d’Italia e approvata dal Consiglio comunale, si chiedeva proprio di procedere in questa direzione. Per questo ora chiedo al commissario Valente di dare seguito a quell’impegno e garantire così a Borgo Santa Maria la possibilità di avere un luogo di aggregazione per i propri residenti” conclude Di Cocco. 

A loro si sono aggiunti anche Lbc. “Bisogna fare in modo che le case cantoniere rimangano un bene della comunità di Latina e dei suoi borghi”: così gli esponenti di Latina Bene Comune - Dario Bellini, Valeria Campagna, Floriana Coletta, Marco Milani, Elettra Orto La Barbera, Gianmarco Proietti ed Emilio Ranieri -, in una nota,. “Tra le case messe a bando c’è anche la cantoniera di borgo Santa Maria per cui – spiegano – l’iter d’acquisizione da parte del Comune è stato già avviato”. In data 18 Marzo 2021 l’allora assessore Ranieri ha chiesto ed ottenuto un’interlocuzione con la Provincia per avviare una progettualità che, di concerto, portasse ad un recupero dello spazio. Sono seguiti poi altri incontri con l’ente provinciale che hanno coinvolto, tra gli altri, l’assessore Dario Bellini e la consigliera provinciale Valeria Campagna”. “L’intento dell’Amministrazione di cui ha fatto parte Lbc – proseguono - è sempre stato chiaro: acquisire la casa cantoniera e riconsegnarla alla comunità di Santa Maria. L’auspicio che rivolgiamo al commissario Valente, dunque, è di acquisire la casa e di portare a compimento il progetto in questione. Avviare una trattativa diretta con la Provincia per l’acquisizione della struttura o per un accordo per un uso a vantaggio della comunità di Borgo Santa Maria, evitando quindi un’asta che la consegnerebbe alle mani dei privati, vorrebbe dire salvaguardare parte del patrimonio culturale della nostra comunità. La casa cantoniera – concludono – rappresenta una parte fondamentale di un percorso di valorizzazione del borgo e di accrescimento della qualità della vita di chi vi risiede. Acquisirla e rifare la scuola dell’infanzia, ad esempio, consentirebbe di recuperare il progetto Scuola Social Impact. Un ripensamento degli spazi scolastici, da valorizzare anche oltre l’orario scolastico e da mettere in connessione con gli altri luoghi. Questo fornirebbe un servizio ai genitori ed ai bambini che potrebbero frequentare la scuola di mattina e di pomeriggio e la casa cantoniera negli orari serali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case cantoniere all’asta, l’appello al commissario Valente: “Il Comune le acquisisca”

LatinaToday è in caricamento